Detti e proverbi sul fuoco

Alcuni detti, aneddoti, proverbi sul fuoco, provenienti da diverse regioni d'Italia.

Camino con fuoco

'U lignu stuortu l'adderizza lu fuocu - Legno storto si raddrizza col fuoco (Calabria)

Chi va pe feugo perde leugo - Chi va per fuoco perde il luogo (Liguria)

Chi fa feugo de poasse, no sa cosa o se fasse - Chi fa fuoco di sarmenti è un grande sciocco (Liguria)

En do gh'è 'l fum, gh'è anca 'l fògh - Dove c'è il fumo, c'è anche il fuoco (Trentino)

Ugni fuocu forti cìnnara diventa - Anche il fuoco più forte diventa cenere. (Calabria)

' U fuoco fa lu cuocu buonu - Il fuoco fa il buon cuoco (Calabria)

Bseugna sempre fé feu d' nostr bosch - Bisogna sempre far fuoco della nostra legna (Piemonte)

Chi ha bezeugno de fuego porze o dìo - Chi di fuoco ha bisogno porga il dito (Liguria)

La cornice del fuoco

Quand' e' fugh e' vò rugiè l'è un parent ch'l'ha da rivè - Quando il fuoco vuol cigolare è un parente che sta per arrivare (Romagna)

Lu focu forti facili s'astuta - Il fuoco forte facilmente si spegne (Sicilia)

Chi sgata 'l feu a fa surtì le splùe - Chi fruga il fuoco provoca scintille (Piemonte)

Il çoc vieli al è chel ch'al ten dongje il fùc - E' il ceppo vecchio che fa star vicino al fuoco (Friuli)

Cui nun voli focu livassi li ligna - Chi non vuole fuoco, levi la legna (chi non vuol litigare, tolga la discordia) (Sicilia)

Fogo e acqua boni sèrvi ma cativi paroni - Fuoco ed acqua buoni servitori ma cattivi padroni (Trentino)

Dove gh'è staeto do fèugo, gh'è sempre da çenie càda - Dove c'è stato il fuoco, c'è sempre cenere calda (Liguria)

I ferri del fuoco

Qhi hat fogu non morit de frittu - Chi ha fuoco non muore di freddo (Sardegna)

Se l'fugh e' rogia par dninz, l'è un còr cuntent, se rogia par 'd drì l'è un vecc arabì - Se il fuoco cigola davanti, è un cuor contento; se cigola di dietro, è un vecchio arrabbiato (Romagna)

Cun-t-un len no si fàs fùc - Con un solo legno non si fa fuoco (Friuli)


Chi sa fa' fòche, sa fa' case - Chi sa far fuoco, sa far casa. (Sa tener su la casa) (Abruzzo)

Fuoco che arde in cima non ne fare stima - Il fuoco che arde in cima al tizzone dura poco, quindi non farci affidamento (Toscana)

Magna pòco, e statte vicin' a gliu fòco - Mangia poco, e resta accanto al fuoco (Guadagna poco, pur di restare lontano dal pericolo) (Abruzzo)

Chi sput' a ju fòche, fa la morte de ju cane - Chi sputa sul fuoco, fa la morte del cane (Abruzzo)

Lu focu è zoppu quanno da 'na sola cià lu cioccu - Il fuoco è zoppo quando ha il ciocco solo da un lato (Marche)

Chini ha fuocu allu cori mangia nivi, chi teni gelusìa rùsica fafi- Chi ha il cuore infiammato mangia neve, chi è geloso rosicchia fave (è nervoso) (Calabria)

Un pezzo non fa fuoco, due ne fanno poco, tre un focherello, e quattro lo fanno molto bello - L'unione fa la forza. (Toscana)

Link: altri aneddoti e proverbi sul fuoco su www.frasi.net