La pulizia della stufa economica

Con l'approssimarsi dell'inverno abbiamo deciso di farti vedere come si prepara una stufa economica per il riscaldamento dandogli una bella pulita e nello stesso tempo farti vedere come è fatta al suo interno attraverso un reportage fotografico.

Abbiamo messo la stufa dello zio su un carrello e dopo averla quasi smontata tutta abbiamo incominciato a fotografarla e a pulirla con scovolini, straccetti e aspirapolvere. La pulizia di una stufa è sempre molto impegnativa e noi consigliamo di usare una tuta con guanti perché è facile sporcarsi.

La stufa da pulire La stufa smontata
La stufa da pulire.

La stufa vista davanti chiusa La stufa con gli sportellini focolare e aria primaria in ghisa aperti

La stufa è una di quelle economiche senza forno, per riscaldamento e cottura vivande. Sul davanti ha tre sportellini in ghisa: uno per l'accesso al focolare e per il carico legna, uno in mezzo per l'accesso alla griglia della presa d'aria primaria, dotato di valvola, nonché per l'accesso al cassettino porta cenere. In fondo troviamo lo sportellino che dà l'accesso al giro fumi per la sua ispezione e pulizia. La stufa è costruita in materiale refrattario.

Il focolare della stufa La griglia sul fondo del focolare con lo scuoti-cenere

Sopra puoi vedere il particolare del focolare con la griglia porta legna e lo scuoti cenere o attizzatoio sul fondo. Osserva come il materiale refrattario nella parte posteriore sia molto rovinato rispetto a quello nella parte laterale, per via dei colpi ricevuti inserendo la legna senza tanti scrupoli e per la temperatua più alta dovuta alla vicinanza del dell'uscita fumi.

Nota anche le due bocchette di uscita fumi: una a sinistra e una a destra. Quella a sinistra è dotata di valvola manuale per la regolazione del tiraggio con immissione fumi direttamente in canna fumaria, mentre quella a destra immette i fumi nel girofumi quando la valvola del tiraggio della bocchetta a sinistra è chiusa.

La valvola per la regolazione del tiraggio aperta posta a sinistra La bocchetta girofumi a destra e la valvola tiraggio a sinistra chiusa

Nelle due foto di sopra puoi vedere la valvola del tiraggio a sinistra chiusa. In questo caso i fumi caldi della combustione entrano nella bocchetta girofumi posta a destra sempre aperta, scendono lungo la parte posteriore della stufa fino a raggiungere la parte bassa, da qui proseguono e raggiungono la parte frontale della stufa dove c'è lo sportellino di ispezione in ghisa, girano a sinistra, proseguono di nuovo verso la parte posteriore da dove risalgono fino a entrare in canna fumaria dopo aver ceduto buona parte del loro calore al corpo della stufa. In questo modo il rendimento della stufa migliora moltissimo e la combustione rallenta, cosa non possibile mandando i fumi direttamente in canna fumaria, tenendo aperta la valvola del tiraggio di sinistra.

Interno del girofumi posteriore Lo sportellino girofumi inferiore aperto

Nelle due foto di sopra puoi vedere come è fatto il girofumi internamente alla stufa. Esso è costituito di materiale refrattario speciale e puoi notare che nella foto di sinistra il materiale refrattario si è crepato perché ormai vecchio e si sta staccando con il rischio di chiudere il passaggio dei fumi e compromettere il buon funzionamento della stufa.

Per questo motivo dopo aver fatto la pulizia della stufa ed esserci accorti del problema, abbiamo consigliato allo zio di non usarla fino a quando non avrà sostituito il refrattario con altro idoneo.

Il cassettino portacenere L'accessorio per l'apertura sportello

Nelle foto sopra puoi vedere il cassettino portacenere da svuotare ogni giorno e l'attrezzo accessorio in dotazione per aprire gli sportellini senza rischiare di scottarsi le mani quando la stufa è accessa.

La piastra superiore con l'accessorio Particolare della griglia con l'attizzatoio

Sopra puoi vedere la piastra superiore rimontata con il reltivo accessorio per non scottarsi le mani e il particolare della griglia con la leva attizzatoio. Ai lati della stufa sono presenti le griglie di aerazione per il passaggio dell'aria calda. Si tratta quindi di una stufa economica a convezione.