Home page
Cerca nel sito
Ricerca specializzata
Mappa sito

Abbandono: un fuoco che si spegne

Le aziende
Link utili
Domande
Interviste

New Forum

Archivio messaggi
Regolamento Forum

Bibliografia

Mercatino New
Fiere e mostre
I restauratori

Chi siamo
Lettere

Archivio articoli




Fuoco e legna
Il riscaldamento a legna: camini stufe caldaie


Le termostufe a legna

Le termostufe a legna sono delle ottime soluzioni sia per riscaldare, sia per cucinare che per arredare la casa. Uniscono il principio del caminetto, della stufa e della caldaia. Parenti strette dei termocaminetti e delle termocucine, hanno una resa termica notevole che raggiunge l'85% con buona legna.

La termostufa è una fonte di riscaldamento ad acqua che permette di riscaldare tutta la casa tramite i termosifoni e di avere l'acqua calda per i sanitari, proprio come una normale caldaia.

Alcuni modelli sono molto completi. Danno la possibilità di scegliere tra l'uso del forno o del vano fuoco per le grigliate e per cucinare allo spiedo, della piastra radiante utilizzabile come scaldavivande.

In alcuni modelli il forno ha una resistenza elettrica per poter funzionare anche a stufa spenta.

modello Caldea Jolly-Mec

Esempio: Termostufa Jolly-Mec, modello Caldea.

La termostufa Caldea ha tutte le caratteristiche sopra esposte, è dotata di uno scambiatore di calore in acciao a doppia parete sagomata, coibentato con lana di roccia che assicura un alto rendimento, dispone di un sistema di controllo dell'aria comburente che, ottimizzando la combustione, rende controllabile e programmabile la carica.

La termostufa è corredata di una serpentina elettrica la quale, impostando la temperatura al minimo, funziona da resistenza antigelo per il periodo invernale, mentre nel periodo estivo a stufa spenta, puo' riscaldare l'acqua sanitaria.

La termostufa è fornita, a scelta, di kit idraulico in circuito chiuso o aperto, con produzione di acqua sanitaria o senza, idoneo sia per il collegamento in parallelo ad un impianto esistente, sia per il collegamento autonomo.

Caldea, Jolly-Mec
Il modello Caldea dispone di tutti i sistemi di sicurezza previsti dalle norme italiane ed europee, di due scambiatori di raffreddamento che permettono il funzionamento della stufa anche senza energia elettrica, di valvola di scarico termico a doppia sicurezza, valvole di sicurezza a 2,5 ate, valvola supplementare a 3,5 ate e uno scambiatore a piastre per l'acqua sanitaria.

A differenza delle caldaie vere e proprie, questa termostufa non ha bisogno di un locale apposito, ma può stare in qualsiasi locale domestico idoneo, come la cucina o il salotto.

Nel locale d'installazione della termostufa è obbligatoria la presa d'aria esterna di diametro di 12 cm e nello stesso ambiente non devono esserci altre caldaie, camini, stufe o estrattori d'aria.

Per aumentare la sua autonomia, a richiesta, è fornibile senza forno, consentendo una maggiore carica di legna, trasformandosi in una vera caldaia a legna. Lo scarico dei fumi ha un diametro di 15 cm, la potenza raggiunge i 32 Kw, circa 28.000 Kcal/h.

Il controllo automatico dell'aria comburente avviene attraverso una valvola termostatica automatica che, attraverso una catenella, comanda l'apertura della serranda aria comburente.

Per l'approvigionamento della legna si consiglia di variare la pezzatura in modo da fare accensioni rapide e cariche lunghe.

Per evitare la condensa all'interno della stufa occorre regolare l'attivazione della pompa da riscaldamento ad almeno 70°, migliorare il tiraggio, aumentare la quantità d'aria comburente.

Kit idraulico a vaso aperto
La canna fumaria è fondamentale per il buon funzionamento della termostufa. Ogni stufa deve usufruire della propria canna fumaria senza altre immissioni (come caminetti, caldaie, ecc.). La canna fumaria, dal diametro di 15 cm, non deve mai avere inclinazioni verso il basso, deve essere a tenuta dei prodotti della combustione e nei tratti orizzontali deve avere una pendenza minima verso l'alto, deve essere priva di strozzature per tutta la sua lunghezza, essere priva di mezzi meccanici d'aspirazione posti alla sommità del condotto.

Per garantire il tiraggio, il comignolo deve superare il colmo del tetto di almeno 40 cm e la superficie di uscita dei fumi del comignolo deve avere sezione utile non minore del doppio della sezione della canna fumaria.

E' consigliabile un comignolo di tipo antivento con profilo alare che assicuri lo scarico dei fumi anche in caso di vento ognidirezionale.

La canna fumaria deve avere un tratto verticale di almeno 150 cm dalla sommità della stufa.
  • Informazioni tratte dal catalogo Jolly-Mec di Casa felice.

Le stufe a legna







I proprietari di casa e il condominio link banner