Home page
Cerca nel sito
Ricerca specializzata
Mappa sito

Abbandono: un fuoco che si spegne

Le aziende
Link utili
Domande
Interviste

New Forum

Archivio messaggi
Regolamento Forum

Bibliografia

Mercatino New
Fiere e mostre
I restauratori

Chi siamo
Lettere

Archivio articoli




Fuoco e legna
Il riscaldamento a legna: camini stufe caldaie


Il tiraggio e la canna fumaria

I fumi prodotti dalla combustione, essendo più caldi dell'aria circostante, creano una differenza di pressione che tende a farli salire verso l'alto generando quel fenomeno meglio noto come tiraggio. Ed è proprio sul calore dei fumi che si basa il tiraggio. I fumi salendo verso l'alto tendono a raffreddarsi cedendo calore e rallentando man mano la velocità di risalita fino a raggiungere la stessa temperatura dell'aria circostante.

Per ottenere un buon tiraggio occorre che la canna fumaria sia isolata termicamente, progettata possibilmente a pareti doppie, con una intercapedine d'aria, ciò al fine di evitare il raffreddamento dei fumi da asportare e quindi mantenere quella differenza di pressione che consente ai fumi di salire lungo il condotto del camino fino alla fuoriuscita all'esterno.
canna, fumaria
Occorre dimensionare la sezione della canna fumaria proporzionalmente alla dimensione del focolare, perché se troppo piccola può non essere sufficiente a contenere la massa dei gas prodotta e se troppo grande può raffreddarsi in fretta, diminuendo il tiraggio, abbassando l'efficienza termica.

Per migliorare il tiraggio
ove questo non sia sufficiente si ricorre al tiraggio forzato a mezzo di un ventilatore che immette nel condotto dei fumi una massa d'aria che ha lo stesso verso del gas da asportare. Tale dispositivo in un caminetto a focolare aperto, a mio parere, è da sconsigliarsi perché diminuisce ancora di più il già basso rendimento termico.

Altre considerazioni importanti riguardano l'apertura della bocca del camino che deve essere costruita correttamente in modo da garantire il passaggio della giusta quantità di aria. La possibilità di fare affluire aria dall'esterno in modo controllato da una serranda regolabile può migliorare notevolmente il tiraggio. La presa d'aria esterna inoltre è obbligatoria per legge per garantire il giusto prelievo di ossigeno e quindi una corretta combustione.

Nello stesso locale non devono essere presenti due camini perchè finirebbero per interferire l'uno con l'altro.

Per verificare se il camino tira o no, si può provare ad avvicinare una sigaretta accesa o la fiamma di un accendino o di una candela alla bocca del camino; se il fumo della sigaretta o la fiamma dell'accendino non vengono risucchiati all'interno della cappa vuol dire che il tiraggio è insufficiente. Si può provare ad aprire una finestra per vedere se la cosa migliora o no. Se il fumo riprende a salire allora ciò conferma che la mancaza di tiraggio è dovuta allo scarso apporto di aria.

Consigli per migliorare il tiraggio

  1. Tenere conto delle argomentazioni sopra esposte.

  2. Tenere pulita la canna fumaria che deve essere libera da fuliggine, ostacoli non visibili come per es. nidi di uccelli o calabroni, uccelli morti, etc.

  3. Prevedere una presa d'aria di sezione adeguata al focolare con apertura diretta sull'esterno e collocata in basso nel locale dove è presente il caminetto da tenere sempre aperta durante il funzionamento del caminetto.

  4. Se possibile costruire la canna fumaria in verticale dandogli una leggera pendenza di circa 1 grado se il camino non risulta in asse con il comignolo al fine di evitare le turbolenze che potrebbero verificarsi durante la risalita dei fumi.

  5. Prevedere un comignolo antivento.

  6. All'accensione del camino bruciare legnetti piccoli e di facile combustione tenendo completamente aperte le saracinesche della cappa, le valvole del tiraggio e le prese d'aria in modo da avere in poco tempo un fuoco vivo e abbondante per fare sì che i fumi portino in temperatura la canna fumaria. Quando la canna fumaria è diventata calda si può incominciare a chiudere le valvole del tiraggio sul focolare o la sarcinesca al fine di ottenere una combustione più lenta e regolare.

  7. Utilizzare della buona legna evitando legni resinosi che producono molta fuliggine.

  8. In caso di difficoltà di tiraggio provare ad abbassare l'apertura della bocca del camino con opportuni materiali o lastre ignifughe e refrattari ad esempio in rame. Diminuire l'altezza della bocca e il conseguente aumento della larghezza della bocca del camino dovrebbe contribuire ad aumentare il tiraggio. Una alternativa più impegnativa consiste nell'aumentare anche la profondità del focolare. Anche la sistemazione sulla parete di fondo del focolare di una piastra in ferro o ghisa, distanziata di circa 5 cm. dal muro di fondo, si può considerare una efficiente soluzione per migliorare il tiraggio. Infatti il rapido riscaldamento della piastra surriscalda i fumi che in questo modo risalgono la cappa più velocemente.

Link:

Pagine tecniche







I proprietari di casa e il condominio link banner