Forum Fuoco e Legna

Cerca nel forum:
or and

Pagina:
  • Oggetto: Scarico Fumi di Mauro del 28/01/2007, 09:36
    Messaggio: Buongiorno, è da diverso tempo che penso di installare nella mia villetta una stufa a pellet. Il mercato oggi offre una miriade di soluzioni più o meno sofisticate che ne determinano anche i costi.
    Il problema più grande al quale sto cercando di dare risposta è quello riguardo lo scarico dei fumi. Ho letto centinaia di post sul forum, ma non sono riuscito ancora a trovare una risposta soddisfacente.
    Venditori, ma la cosa più preoccupante installatori, mi continuano a ripetere che le nuove stufe a pellet con ventilazione forzata per l'espulsione dei fumi, con collocazione sul posteriore dello scarico fumi, può essere fatta in orizontale allontanandosi di 20cm dalla parete perimetrale, senza la necessità di arrivare al tetto.
    Adesso le mie domande sono le seguenti:
    1) Esiste realmente un determinato tipo di stufa a pellet che consente di evitare lo scarico dei fumi oltre il tetto?
    2) E' vero che di eventuali violazioni alle normative ne risponde l'installatore che ha fatto il lavoro.
    3) Come ci si difende da tanti sedicenti installatori con tanto di certificazione, che pur di fare un lavoro consigliano male il cliente e lo portano sulla cattiva strada?

    Morale della favola come ci si difende l'onesto cittadino che vuole fare un lavoro pulito in un mondo un po troppo sporco????

    Scusate il gioco di parole e grazie anticipatamente per il vostro aiuto.

  • Oggetto: problema telecomando di mr_viper del 23/01/2007, 20:06
    Messaggio: scusate io o un problema con il telecomando di una stufa edylcamin ora vi spiego la prima volta che l'o usato funzionava corettamente ma dopo o notato che il telecomando della mia tv a interagito con la frequenza della stufa, quindi adesso mi ritrovo ad avera la stufa che cambia impostazioni quando cambio il canale della tv ed ad avere il telecomando della stufa che non funziona più , o sentito il CAT e mi adetto di chiamare la sede perche non sa cosa , in sede mi anno detto che non è possibile cambiare frequenza al telecomando in pratica io non so cosa fare qualcuno puo aiutarmi grazie.
    P.S. il telecomando a 4 tasti rossi con scritto + - 0/1 A/m
    • Re: problema telecomando di zangi del 26/01/2007, 20:52
      Purtroppo il codice di trasmissione del telecomando non può essere cambiato. Se ora il telecomando stufa non funziona piu puoi provare a scollegarla dalla corrente per dieci minuti e poi riattaccarla dopodichè se il telecomando non funziona ancora l'unica soluzione è sostituire la scheda elettronica ma attenzione, se dovesse riprendere i codici del telecomando del televisore (di solito è il telecomando della sony) il problema si ripresenterà.
      Ciao
    • Re: problema telecomando di Daniele del 27/01/2007, 13:23
      Io possiedo un Pellbox e posso cambiarlo il codice trasmissione in caso di interferenze:c'è scritto sul manuale dell'inserto e non si cita nessuna chiamata al CAT per farlo...quindi,penso che anche sul tuo manuale ci deve essere scritto come cambiare sto codice:leggi bene.
      Ciao.
      • Re: Re: problema telecomando di miky del 27/01/2007, 14:23
        Il Pellbox utilizza un RADIOCOMANDO con frequenze impostabili, mentre la stufa utilizza un TELECOMANDO con frequenza fissa, quindi non modificabile.

  • Oggetto: acuisto camino foghet - di emili renzo del 27/01/2007, 10:24
    Messaggio: dovendo acquistare il camino foghet a legna -pellets ad acqua.vorrei sapere se come va e il suo consumo di legna.spero che qualcuno risponda grazie
    • Re: acuisto camino foghet - di roberto del 27/01/2007, 12:04
      ciao,
      non conosco bene il prodotto che tu citi ,ma se vuoi un similare dove ti garantisco che la qualita' e' altissima visita il sito www.brunner.de pultroppo e' solo in tedesco.
      personalmente non mi piacciono prodotti che usano la tecnologia in quel modo prima o poi si rompono e quelli della manutenzione non te li stacchi piu'.
      vedi stufe a pellet elettroniche ....

      auguri roberto
      www.giocofuoco.it

  • Oggetto: OILPELLET di massimo del 26/01/2007, 18:50
    Messaggio: Se l'olio brucia bene nei diesel, nelle stufe ha i suoi vantaggi. Ho studiato bene che cosa succede, con percentuali fino a mezzo litro per sacco.
    1) le molecole di olio sono assorbite dalle fibre del legno senza gonfiare il pellet, anzi, lo rendono più compatto.
    2) Fa meno cenere, o meglio, poichè le fibre del legno contengono l'olio, bruciano in modo più completo e la cenere rimane più fine, nella mia stufa alla fine della giornata non c'è traccia di residuo nel bracere perchè la cenere o vola via o cade di sotto perchè è fine.
    Ogni tanto meglio dare una bella scaldata con pellet puro.. giusto per una bella ripulita allo scambiatore, ma questo vale in ogni caso.
    …………. e basta con le volgarità e le stupidate
    • Re: OILPELLET di Pelletlegno del 26/01/2007, 19:20
      EVVIVA! Finalmente un pò di buon senso e di sana educazione. BRAVO MASSIMO
      • Re: Re: OILPELLET di Roby del 26/01/2007, 20:39
        Bravo Massimo!
        Sentiamo cosa dice Felice!

  • Oggetto: come fare oilpellet di massimo del 26/01/2007, 18:39
    Messaggio: Il guro dell'oilpellet è .... ma in tanti lo abbiamo testato con discreti risultati.
    1 sacco di pellet in un pentolone/bidone
    aggiungi una quantità di olio di colza a partire da 250 ml (1/4 di litro per intenderci)
    e mescola bene.
    lasci riposare qualche ora perchè l'olio si assorba per bene ma senza esagerare perchè se aspetti troppo il pellet tende ad indurirsi parecchio e a far scricchiolare la coclea.
    A questo punto lo provi.
    In seguito potrai aumentare le dosi per trovare la giusta percentuale e l'equilibrio costo/rendimento.
    C'è chi per ogni sacco utilizza un litro ed oltre di olio ma a questo punto la stufa diventa un diesel.
    Ti ricordo che bruciare olio esausto (di friggitura o da motore) è illegale e probabilmente molto inquinante oltre che pericoloso per la salute se eventualmente i fumi si riversassero anche solo in maniera impercettibile nei locali in cui vivi.

    olio di colza nei discount lo si trova a 60/70 €cent/litro e pare essere il migliore.

  • Oggetto: Prese d'aria ECOMONOBLOCCO PALAZZETTI di vin del 24/01/2007, 08:40
    Messaggio: Salve, devo installare un camino ECOMOBLOCCO 78 della Palazzetti in una stana di mq 40 circa con collegamento per riscaldare una stanza attigua di mq 15 circa.
    Leggendo le istruzioni di montaggio viene riportato che è necessaria una presa d'aria esterna per la combustione dietro al camino, mentre non ho capito bene se è necessara la
    presa d'aria estaerna anche per una delle due prese d'aria per la ventilazione.
    Qualcuno sa dirmi se è effettivamente necesaria la seconda presa d'aria esterna anche perchè se così fosse l'aria immessa nelle stanza provenendo dall'esterno sarebbe sicuramente meno calda
    oppure se le due prese d'aria possono essere prese dalla stessa stanza dove si trova il camino (mq 40 circa)
    Grazie e ciao
    • Re: Prese d'aria ECOMONOBLOCCO PALAZZETTI di edella del 24/01/2007, 10:05
      ciao vin. logicamente, dall'esterno si dovrebbe prendere l'aria di combustione che dev'essere adeguatamente dimensionata soprattutto secondo le norme di sicurezza. in questo modo si evita di introdurre aria fredda nell'ambiente ma di usarla unicamente per la combustione.

      www.mypage.bluewin.ch/edella/
      • Re: Re: Prese d'aria ECOMONOBLOCCO PALAZZETTI di vin del 24/01/2007, 16:09
        Grazie per la risposta.
        Ciò quindi vuol dire che mentre per la presa della combustione è indispensabikle la presa esterna, per le altre prese si può prendere dall'intertno senza incorrere in alcuna controindicazione!?
        Grazie e ciao
        • Re: Re: Re: Prese d'aria ECOMONOBLOCCO PALAZZETTI di edella del 24/01/2007, 16:56
          naturalmente il tecnico o la ditta che ti venderà e installerà il tutto è tenuta a fornirti tutte le indicazione e le normative del caso. esigile anche perché, immagino, farai fare la posa e il collaudo in modo professionale. è molto importante anzi indispensabile per avere un funzionamento ottimale e la massima sicurezza.

          www.mypage.bluewin.ch/edella/
      • Re: Re: Prese d'aria ECOMONOBLOCCO PALAZZETTI di Dino del 24/01/2007, 20:15
        Per gli esperti:
        usando l'aria esterna per la combustione e quella interna per il ricircolo non corro il rischio di respirare l'aria secca e viziata???
        Io sapevo che alcuni caminetti "inserti" utilizzano l'aria esterna da riscaldare per avere un ricambio totale d'aria e un'umidità maggiore
        • Re: Re: Re: Prese d'aria ECOMONOBLOCCO PALAZZETTI di edella del 24/01/2007, 20:25
          ciao dino. in effetti l'aria esterna in inverno è sovente molto secca e non ti da alcun vantaggio a livello di umidità. evidentemente l'aria necessiterebbe di un costante ricambio ma come? se arieggio il caldo se ne va con l'aria viziata. esistono dei sistemi di ventilazione che permettono di ricambiare regolarmente l'aria e contemporaneamente di filtrarla e recuperare il calore prima di espellerla. anche in questo caso però il ricambio tende a seccare l'aria. inoltre sono sistemi relativamente complessi che dificilmente si possono adattare ad una casa esistente ma molto interessanti dal punto di vista energetico.

          www.mypage.bluewin.ch/edella/
          • Re: Re: Re: Re: Prese d'aria ECOMONOBLOCCO PALAZZETTI di dino del 24/01/2007, 20:54
            Ad esempio i monoblocchi piazzetta prendono l'aria dall'esterno, gli inseri in ghisa pure....
            Quindi sono bufale?
            • Re: Re: Re: Re: Re: Prese d'aria ECOMONOBLOCCO PALAZZETTI di edella del 25/01/2007, 08:21
              ciao dino. se ti riferisci al mio post, non ho mai detto niente del genere. il problema dell'umidità è però di difficile soluzione. se non crei tu dell'umidità, con l'aiuto dell'aria esterna difficilmente riuscirai a migliorare sensibilmente la situazione (anzi). specialmente con stufe o camini a convezione forzata. gli stessi impianti di ventilazione a cui mi riferivo, se non hanno un modulo per umidificare (e anche questo non fa miracoli), contribuiscono essi stessi al problema (entro certi limiti naturalmente nel senso che la situazione resta sempre vivibile)

              www.mypage.bluewin.ch/edella/

  • Oggetto: Vendita pellet di Fedrico Bertolina del 24/01/2007, 23:29
    Messaggio: PELLET da 6 mm in sacchetti da 15 kg produzione italiana,vendita carichi interi (30 ton).
    PELLET per caldaie sfuso o in sacchi.
    GUSCIO DI NOCE DI COCCO triturato adatto per caldaie.
    OTTIMI PREZZI!!!
    CONSEGNE IN TUTTA ITALIA.

  • Oggetto: Pellet 8-10 mm di clemi del 24/01/2007, 23:26
    Messaggio: Sono di Macerata e cerco pellet da 8-10mm di qualunque essenza.

  • Oggetto: Canna fumaria di Cri del 24/01/2007, 23:13
    Messaggio: Ciao, sono nuovo del forum,
    Volevo chiedervi un parere: Ho un camino a focolare aperto in ghisa nella tavernetta di casa mia, e la canna fumaria che attreversa i piani superiori passando nella sala.Vorrei installare un termoprodotto, ma allo stesso tempo vorrei mantenere il camino originale.Secondo voi esistono dei kit per trasformare il vecchio camino in un termocamino, magari aggiungendo una vasca in ghisa al monoblocco?Altra opzione sarebbe quella di mettere una termostufa in sala, secondo voi che problemi avrei a collegare la stufa alla stessa canna fumaria del camino?Ciao e grazie!

  • Oggetto: S.O.S canna fumaria di Giacomo del 24/01/2007, 17:58
    Messaggio: RICHIESTA DI AIUTO da poco ho montato il mio camino ed essendo ovviamente un principiante ho un grosso problema che non riesco a risolvere, ossia che per effetto del surriscaldamento termico la canna fumaria tende a salire, e fino a quando riscenda non penso fosse un problema, ma il fattaccio è quello che non riesce a scendere.
    Da cosa potrebbe dipendere?
    Converrebbe forse liberare l'intera canna fumaria senza alcun fissaggio al solaio?
    Cosa mi consigliereste?
    Vi prego AIUTATEMI in quanto devo fare il rivestimento.
    Fate PRESTO PRESTO
    GRAZIE
    • Re: S.O.S canna fumaria di Frank del 24/01/2007, 18:11
      CHIEDI AL SIG. FELICE !!!!!
    • Re: S.O.S canna fumaria di benel del 24/01/2007, 20:21
      se vuoi un suggerimento per il da fare, ti consiglio di esporre meglio il tuo problema, poichè non si capisce.
      inizia col tipo di macchina, la locazione, ed esponi il problema + chiaramente perchè di canne fumarie che salgono e scendono con il calore io non ne ho mai viste. ciao a tutti