Forum Fuoco e Legna

Cerca nel forum:
or and

Pagina:
  • Oggetto: settaggi caldaia Kalorina BK25 di Ludovico del 18/03/2007, 19:47
    Messaggio: Possiedo una caldaia Tatano Kalorina BK25 Cereali da questo inverno e tutto sommato sono abbastanza contento però avrei alcune cose che non riesco a risolvere. Ultimamente, che la caldaia produce solo acqua calda, ogni due o tre giorni la stessa si blocca sull'accensione del pellets e quindi il mais a volte riempie il bracere senza iniziare la combustione. Se svuoto il medesimo e riavvio, tutto riparte per altri due o tre giorni. Ho provato a settare diversamente la caldaia ma tutti i settings provati non hanno dato i frutti sperati.
    Gentilmente, qualcuno saprebbe suggerirmi qualche soluzione? Un grazie a tutti.

  • Oggetto: caminetto da sala di damiano del 17/03/2007, 10:08
    Messaggio: vorrei sapere quale marca comprare per il camino della sala buon rapporto "qualità/prezzo". Genere moderno.

    Grazie.

  • Oggetto: Canna fumaria di Sebastiano Chetta del 13/03/2007, 11:14
    Messaggio: Buongiorno a tutti.
    Ho acquistato una canna fumaria in acciaio monoparete per risanare una vecchia canna fumaria in cemento che passa interamente all'interno dell'abitazione. I tubi sono da 20 cm di diametro e lunghi 1 metro.
    In fase di assemblaggio mi hanno consigliato di mettere la "femmina" verso l'alto per unire i vari tubi sto usando fascette per la tenuta meccanica. Inoltre mi hanno sconsigliato di usare guarnizioni siliconiche poichè non reggerebbero le temperature d'esercizio.
    Di fatto come posso evitare che il fumo fuoriesca dalle giunture poichè le fascette garantiscono solo la tenuta meccanica ma non garantiscono una tenuta stagna? Infatti si vede, stringendo le fascette, che qua e là qualche piccolo spazio rimane.
    Grazie per la risposta.
    Sebastiano CHETTA
    • Re: Canna fumaria di roberto del 15/03/2007, 18:53
      ciao, puoi usare fibraceramica in pasta io uso faserplast rhat se non lo trovi ti spedisco una cartuccia...
      generalmente quando si scalda la canna fumaria i tubi si mettono a posto da soli...
      ciao
      www.giocofuoco.it

  • Oggetto: stufa che non scalda di giuseppe del 09/03/2007, 16:29
    Messaggio: buon giorno a tutti,
    sono un infelice possessore di una stufa (non è una stube classica, ma usa il
    giro fumi e pesa quasi una tonnellata). Per motivi legali non mi fido a scrivere
    la ditta costruttrice, visto che oltre a essere stato preso in giro, non vorrei
    tirarmi addosso avvocati e balle varie. Costata la bellezza di 7500 euro ,
    comprata 3 anni fa. La casa dichiara un riscaldamento di 140/150 mq. Io si è
    no,ne copro 60 mq. L'abitazione è ristrutturata da 2 anni, infissi nuovi,
    malte, pavimenti, isolamento.... per cui non dipende dalla casa. La canna
    fumaria è stata costruita come su indicazioni della casa costruttrice della
    stufa, ma succede che se vado a toccare la canna fumaria a 8 mt di altezza (pur
    essendo coibentata) è bollente. Se la temperatura esterna è inferiore agli 0
    gradi la mattina la stufa è praticamente fredda, sebbene la sera avesse
    raggiunto una buona temperatura. E' evidente che il tiraggio del camino è
    eccessivo, per cui ho provato a mettere un registro, ma nel giro di 2 mesi si è
    intasato tutto, anche se la stufa era decisamente migliorata. Sapete cosa mi ha
    risposto il genio, che inventò e produce queste stufe, difronte alla richiesta
    di delucidazioni: "buttaci dentro legna, vedrai che poi scalda". La garanzia non
    vale più, il costruttore e il venditore non mi assistono, consumo 40/50 quintali
    di legna l'anno per avere una resa inferiore a quella di una stufa economica (la
    piazzetta che ho in cucina rende molto di più e consuma 1/4). cosa mi
    consigliate?
    • Re: stufa che non scalda di roberto gioco fuoco del 09/03/2007, 16:59
      dato il peso e' una stufa in pietra ollare ?
      di che cosa e' fatta visto che non ha il limite di carico ?
      quanti kw dichiarano sul libretto istruzioni?
      dove la producono ?
      facci sapere ciao roberto

      info@giocofuoco.it
      • Re: Re: stufa che non scalda di giuseppe del 14/03/2007, 08:17
        no non è fatta in pietra ollare, ma in matteriale refrattario. misura 65x65x180h circa. in kw non mi sembra che fossero dichiarati, ma come dicevo sul primo messaggio, la dichiaravano per 140/150 mq.
        non ho capito bene, cosa significa scaldare 140 mq, esistono evidentemente dei dati unificati, che so 19 gradi è un ambiente scaldato...
        fatto sta che ieri sera la stufa non la potevo nemmeno toccare e questa mattina sarà stata sui 20 gradi. Sono nero!!!
        • Re: Re: Re: stufa che non scalda di roberto gioco fuoco del 15/03/2007, 18:39
          ciao, Giuseppe stufe cosi piccole in mattoni refrattari scaldano 60-70 mq come dici tu .le prestazioni sono quelle strano che il costruttore non ti abbia dato un limite di carico se non ha l'inserto stai attento a spingerla.
          per le dimensioni che richiedi 130-140 150 mq ad irraggiamento ed in accumulo si possono fare ma evidentemente con un altra tecnologia.
          se mi mandi in privato uno schema della stufa posso approfondire ciao roberto
          info@giocofuoco.it

  • Oggetto: rivenditori pellet di jamil boukarabila del 15/03/2007, 17:12
    Messaggio: Produttori svizzeri di pellet di qualità con diversi siti di produzione in Europa ed in Italia, cercano professionisti del settore per una collaborazione seria sulla base di un prezzo fisso e consegne regolari tutto l'anno. Si prega di fare pervenire i dati per mail o per fax (00 41 22 732 46 60 )o chiamare il nostro responsabile per l'Italia, Sig. Lorenzo al numero 00 41 22 732 14 30

  • Oggetto: costo legna faggio di marta bianchi del 13/03/2007, 11:44
    Messaggio: Vorrei sapere quanto costa legna faggio di prima qualita' al quintale, gia' tagliata in piccoli tronchetti da utilizzare per accensione stufe della ditta biofire
    Grazie
    • Re: costo legna faggio di mario del 13/03/2007, 22:54
      tra i 10 e gli 11 euri al quintale, tagliata e portata a casa. Conviene farlo nel primi mesi dell'estate, metterla in catasta coperta per lasciarla asciugare.
      Almeno questo è il prezzo a Udine, ma devi trovare il fornitore onesto, altrimenti la legna non brucerà mai bene

  • Oggetto: PELLET OTTIMO PREZZO di interpellet del 12/03/2007, 21:28
    Messaggio: Offriamo Pellet di Pino in tutta Italia a partire da 170 EURO consegnato per il NORD ITALIA.
    Certificazione DIN-PLUS.
    Info www.interpellet.com
    E MAIL interpellet_it@yahoo.it
    TEL:0048-511369522

  • Oggetto: camino edilkamin mod. cristal di Elisa del 20/02/2007, 10:55
    Messaggio: Ciao a tutti mi chiamo Elisa abito a Cagliari, devo scaldare un salone unico di circa 120 mq, pensavo di comprare un camino a ventilazione forzata con focolare chiuso e con l'interno in ecokeram (è un materiale refrattario) della Edilkamin, mod. cristal 76, vorrei sapere se qualcuno lo conosce e può darmi un parere in merito. Vi ringrazio
    • Re: camino edilkamin mod. cristal di Miky del 12/03/2007, 16:40
      Sarebbe preferibile il modello Cristal 90 che possiede una potenza di 13 Kw contro i 12 Kw del 75.
      Considera anche il fatto che questo modello è stato concepito come camino a convezione naturale. La ventilazione forzata si ottiene affiancando al monoblocco stesso un apposito kit contenente il ventilatore. Avrai quindi una piccola limitazione nella scelta del rivestimento.
    • Re: camino edilkamin mod. cristal di antonio del 12/03/2007, 21:06
      Visto che luglio diventa obbligatoria la marcatura CE riferita nel caso alla norma UNI12229 fatti dare la copia della targhetta che sicuramente devono avere trattandosi di un prodotto nuovo e verifica sia il rendimento deve essere per un prodotto simile superiore al 78% e le emissioni inveriori a 1250ppm di CO. Così sarai certo di aver acquistato un prodotto di qualità.Ciao

  • Oggetto: leggi su canna fumaria di michele del 12/03/2007, 18:01
    Messaggio: Salve a tutti,spero che qualcuno possa aiutarmi. sono proprietario di una casetta indipendente situata in un contesto condominiale di cinque case(cortile e strada d" accesso in comune)vorrei installare una canna fumaria esterna dalla tavernetta fino al tetto.Non esiste regolamento condominiale. Qualcuno dei proprietari può opporsi? Premetto che le case sono staccate una dall"altra la più vicina è a circa cinque metri Grazie
    • Re: leggi su canna fumaria di LIVIO del 12/03/2007, 18:43
      http://www.caldaiamais.com/default.htm
      MICHELE, pur non entrando nel merito del tuo problema dai un'occhiata all voce "normativa" al link sopra perchè il contendere per "casetta indipendente" è alquanto di dubbia interpretazione allo stato attuale. Saluti Livio/Cuneo
      http://www.flickr.com/photos/livton/

  • Oggetto: termocamino colpo d'ariete di gianki del 03/03/2007, 11:41
    Messaggio: salve a tutti, nel mio impianto a vaso aperto, mi si verifica l'inconveniente del colpo d'ariete, cioè quando la pompa di circolo si spegne l'impianto scarica nel vaso d'espansione (situato circa 4 metri sopra il radiatore più alto) un po di acqua "calda". ho sentito il mio installatore e mi ha suggerito di mettere due valvole europa una sull'andata e una sul ritorno. pensate che ciò sia valido oppure no?.
    ringrazio tutti per l'attenzione e auguro buona giornata
    • Re: termocamino colpo d'ariete di Piero Fuocoelegna del 05/03/2007, 18:26
      Se ho ben capito, pur non conoscendo il tuo impianto, più che colpo di ariete, io lo chiamerei effetto Bernoulli. Dipende da dove l'impiantista ha collocato il circolatore, se prima o dopo il vaso di espansione.
      Sinceramente non vedo l'utilità delle valvole europa, essendo una valvola di ritegno o di non ritorno, credo, rischi di annullare la funzione del vaso di espansione che è quella di assorbire gli aumenti di pressione nell'impianto e compromettere la sicurezza dell'impianto. Io non mi preoccuperei di quel fenomeno che ritengo un fenomeno naturale. Forse scaricando un poco poco l'impianto, risolvi.
    • Re: termocamino colpo d'ariete di gianki del 06/03/2007, 17:51
      ti ringrazio della risposta.
      dunque il circolatore è messo 3 metri circa dopo il vaso di espansione. ti chiedo se l'aqua non si ossigena troppo visto che la pompa attacca e stacca molte volte, quindi prendendo acqua ogni volta dal vaso di espansione, si rischia cosi di compromettere la caldaia?
      inoltre mi puoi spiegare cosa intendi per scaricare poco l'impianto, cosa dovrei materialmente fare? scusa ma non sono del mestiere.
      ti ringrazio della cortesia e disponiblità
      giancarlo
      • Re: Re: termocamino colpo d'ariete di Piero Fuocoelegna del 06/03/2007, 21:58
        No, la caldaia non si compromette granché, ma è bene evitare che nei tubi entri aria e l'acqua venga a contatto con l'aria. Il vaso di espansione ha anche la funzione di integrare l'acqua che se ne va per evaporazione nell'impianto.

        Per scaricare l'impianto poco poco, intendo abbassare il livello dell'acqua nel vaso di espansione che forse, con la dilatazione termica, raggiunge il limite del troppo pieno (controlla che il galleggiante chiuda bene il rubinetto di alimentazione dalla rete). Se non sei del mestiere e non te ne intendi di impianti termici, lascia perdere e chiama il tuo impiantista che sa dove mettere le mani.
        • Re: Re: Re: termocamino colpo d'ariete di gianki del 07/03/2007, 09:26
          ti ringrazio tanto del consiglio e, ora che me lo dici, quando l'impianto è in temperatura l'acqua nel vaso sfiora il tubo del troppo pieno, quindi se non ho capito male basta abbassare il gallegiante in modo che il livello nel vaso sia più basso vero?
          grazie di nuovo e buona giornata.
          • Re: Re: Re: Re: termocamino colpo d'ariete di Piero Fuocoelegna del 07/03/2007, 10:53
            Il controllo lo devi fare ad impianto freddo. E' normale che ad impianto caldo l'acqua salga e possa anche raggiungere il livello del troppo pieno. L'importante è che non lo oltrepassi. Dipende da come è stato dimensionato il vaso di espansione.

            Potresti aver fatto un ampliamento dell'impianto termico, aggiungendo elementi radianti o un termocamino, senza aver valutato se il vaso di espansione è dimensionato opportunamente per assorbire il maggiore volume d'acqua.

            Comunque ad impianto freddo, l'acqua nel vaso di espansione deve arrivare a coprire il tubo di carico, di solito posto in basso e fermarsi al livello del galleggiante. Se lo oltrepassa, vuol dire che nell'impianto c'è troppa acqua o che il galleggiante non chiude bene.

            Può quindi succedere che ad impianto caldo l'acqua aumenti di volume fino a trafilare dal tubo del troppo pieno senza che tu te ne accorga se non vai a vedere dove scarica il tubo del troppo pieno. Queste sono cose che deve verificare l'impiantista.
            • Re: Re: Re: Re: Re: termocamino colpo d'ariete di gianki del 12/03/2007, 18:28
              non so proprio come ringraziarti, ho abbassato il livello del vaso di espnasione, agendo sul gallegiante e ora con circa 5 cm di acqua sopra il tubo di entrata acqua nell'impianto non ho più acqua calda che mi torna nel vaso d'espansione. grazie tante di nuovo buona giornata. giancarlo