Forum Fuoco e Legna

Cerca nel forum:
or and

Pagina:
  • Oggetto: alba edilkamin resettare service di alessandro del 04/10/2007, 11:56
    Messaggio: ciao a tutti scusate la rottura ma non c'è nessuno che mi puo aiuttare per resettare il service della stufa alba edilkamin , lo pulita completamente e soffiata ,va benissimo l'unico problema è il service che è fastidioso
    grazzie a tutti per l'aiuto.
    • Re: alba edilkamin resettare service di stefano del 04/10/2007, 23:03
      prova a chiamare il tecnico edilkamin spiegali tutto l'importante che tu abbia fatto bene la pulizia della tua stufa te lo dice tecnico edilkamin del friuli mandi
      • Re: Re: alba edilkamin resettare service di alessandro del 09/10/2007, 20:51
        ciao stefano mi puoi aiutare per il reset della stufa alba edilkamin o pulito completamente la stufa la vista un amico che le monta ,o provato a chiedere al cat della mia zona ma dice che lui la deve pulire lo stesso e mi chied 110,00€ mi sembra un po troppo se mi puoi aiutare ti ringrazzio

        alessandro
    • Re: alba edilkamin resettare service di aldo del 23/10/2012, 22:26
      grazie dell'aiuto
      • Re: Re: alba edilkamin resettare service di Andrea del 20/11/2012, 12:37
        Salve, è possibile sapere le varie psw per la edilk alba? io conosco solo la -13 ma vorrei resettare il service ed il setup e la psw è diversa.
        Grazie in anticipo.
    • Re: alba edilkamin resettare service di mauro del 13/12/2013, 19:52
      edilkamin resettare service
    • Re: soleil edilkamin resettare service di stefano del 27/01/2014, 17:38
      buona sera come posso resettar la scritta .."manutenzione"? per una soleil canalizzata
      grz
    • Re: alba edilkamin resettare service di sergio del 29/09/2014, 17:30
      per favore c'è qualcuno che mi può suggerire come resettare il service della stufa alba edilkamin dovuto al superamento dei 2000kg di pellet previsti? Pulizia già effettuata.
    • Re: alba edilkamin resettare service di antimo del 25/11/2014, 08:23
      sul displei della stufa appare scritto STEUP data subito dopo lampeggia la scritta TIMER Program, mi può aiutare per rimpostare il displej con la scritta data e grado di caloria che uno desidera grazie.
    • Re: alba 2005 edilk resettare service di Gianni del 08/02/2018, 15:12
      Buongiorno, gradirei conoscere per cortesia, il sistema per eliminare la scritta service dal display.
      Grazie

  • Oggetto: errore 504 palazzetti multifire di anna del 02/04/2013, 17:49
    Messaggio: salve a tutti,
    come da titolo mi è apparso l'errore 504 alla mia stufa palazzetti multifire mentre era in funzionamento legna. è apparso prima l'errore 103 ovvero surriscaldamento della stufa: alché subito ho cercato di far scendere la temperatura, e dopo un pò è scomparso ed è apparso il 504, che sarebbe rottura della sonda a quanto scritto, oppure malfunzionamento della stessa..come faccio a capire se si è proprio rotta o deve solo raffreddarsi? a qualcuno è capitato? e come devo agire? devo spegnere la stufa?? grazie a tutti..buon pomeriggio

  • Oggetto: nestor martin vs blaze king di domenico del 26/07/2016, 08:34
    Messaggio: Buongiorno, volevo approfittare dell'esperienza di chi più esperto di me per un consiglio in merito ad una comparazione tra le due marche di stufe a legna in oggetto. qualcuno le ha provate o le conosce ed è in grado di darmi dei ragguagli in merito? grazie

    p.s. me ne serve una per abitazione in aperta campagna centro italia di mq. 110 circa
    • Re: nestor martin vs blaze king di ANTONIO del 26/07/2016, 12:26
      Spendendo meno puoi acquistare un ottimo prodotto ITALIANO (meglio se coperto da una buona rete di assistenza post-vendita). Compriamo ITALIANO e la nostra economia ne gioverà.
    • Re: nestor martin vs blaze king di Marcello del 29/07/2016, 21:27
      Ciao,
      come tecnico ti posso dire che sono prodotti assimilabili ma fondamentalmente differenti. Nestor Martin ha una tecnologia interessante che permette autonomie lunghe, Blaze King permette autonomie lunghissime. La carica legname di Nestor Martin è circa un quarto di Blaze King, ma la differenza basilare sta nella tecnologia di combustione, i consumi Blaze king sono circa 33% inferiori proprio per la tecnologia di combustione. Con Blaze King si riesce ad ottenere l'espressione di tutto il potenziale termico del legname a tutte le andature mentre con Nestor Martin ciò non è sempre possibile, l'assenza di catalizzatore incide sui consumi e sullo sviluppo di calore e sulle autonomie.
      I costi dovrebbero esser similari se si paragona un prodotto a doppia parete dei due marchi, se invece si paragona un singola parete con un doppia parete si fa una cavolata perchè non danno stessi risultati ma certo i costi a quel punto son differenti.
      Io ne ho provate differenti tipologie, oggi forse metterei una Nestor Martin in una seconda casa mentre in una prima casa ove si abita e si usa sempre la stufa preferirei decisamente una Blaz King.
    • Blaze King di Fabio Fraccarolo del 03/02/2018, 13:58
      Blaze King è uguale a Regensy?il calore è più violento delle stufe Efel?
      • Re: Blaze King di Pittu del 04/02/2018, 20:29
        La tecnologia Blaze King è Regency è simile ma a quanto pare le seconde sono un poco più esuberanti in calore alle andature basse. Efel è MONOPARETE RADIANTE mentre le Canadesi sono Doppia parete o tripla parete convettive, di conseguenza le Canadesi hanno un calore più moderato e piacevole nelle vicinanze perchè la parete esterna ha un calore più moderato... ed emettendo costantemente aria calda dalle pareti convettive tendono a diffondere meglio il calore in tutta la casa. Non sono prodotti paragonabili.

  • Oggetto: coclea di paolo del 03/02/2018, 12:56
    Messaggio: ho problemi di rumore della coclea mod. niko qualcuno mi puo aiutare

  • Oggetto: stufa bi-fire mid klover di francesco del 09/11/2013, 00:55
    Messaggio: ho letto tante e-mail ma tutte parlavano del problema
    condensa dei termocamini jolly mec.
    io ho appena acquistato ed istallato una stufa bi-fire
    della klover (4300 euro)su un impianto a vaso chiuso in una casa di nuova costruzione con caloriferi in alluminio e tubi
    di rame (cioè poca acqua in circolo) comunque ho lo stesso problema di condensa, sembra già dalle prime
    accensioni che una vernice nera coli sporcando i fianchi della camera di combustione. inoltre tale condensa fa abbassare la temperatura rendendo così la combustione difficoltosa (i pezzi grossi di legna tendono a spegnersi x farli bruciare, bisogna continuare ad alimentare il fuoco con legna fine)
    per ora non ho ancora contattato la klover, ma credo che lo farò presto anche se ho già capito che il
    problema non sarà coperto da garanzia.
    se qualcuno ha lo stesso problema e magari l'ha
    già risolto sarei grato in una sua risposta grazie
    francesco
    • Re: stufa bi-fire mid klover di Fabio del 09/11/2013, 11:57
      Buongiorno, io ho una stufa a legna nordica rossella plus nuova e ho notato che in fase di accensione sulle pareti cola un liquido nero (immagino condensa) che però dopo pochi minuti sparisce.
      a volte in fase di accensione si appanna anche il vetro.
      non so se questo sia normale, o sia simile al suo problema.
      • Re: Re: stufa bi-fire mid klover di Giovanni Iemmi del 10/11/2013, 15:44
        spesso questo tipo di problema dipende da tre fattori:
        1- la temperatura a cui è impostato il termostato per fare partire la pompa di circolazione dell'acqua. Di solito gli idraulici tendono a metterla troppo bassa, come per le caldaie a gas a 50 o 55°, invece sugli apparecchi a combustibile solido deve essere più alta, di solito sui 65°
        2- la condensa può essere causata da un cattivo tiraggio della canna fumaria (bisogna quindi verificare tanti aspetti: sezione, altezza, forma e posizione del comignolo...)
        3- spesso quando faccio le pulizie delle canne fumarie, mi rendo conto che ai clienti non è stato spiegato come usare correttamente la stufa e il caminetto, soprattutto in fase di accensione, che è molto importante
      • Re: Re: stufa bi-fire mid klover di francesco del 14/11/2013, 00:06
        durante l'accensione della stufa è normale
        che si appanni il vetro perché le temperatura della combustione è molto bassa e l'umidità presente
        nella legna evapora e si condensa... (questo mi succedeva anche con una stufa non idro) quando poi la temperatura della combustione sale il fenomeno scompare
        Non è invece normale quel fenomeno di condensa
        nerastra che sporca tutta la camera di combustione
        anche se a mio avviso è lo stesso problema di
        bassa temperatura di combustione dovuto alla circolazione di acqua fredda nella stufa..
        ciao francesco
    • Re: stufa bi-fire mid klover di Viola del 15/11/2017, 08:44
      Salve,
      sto valutando acquisto di Klover Bi-fire e prima di affrontare la grande spesa vorrei rassicurazioni sulla qualità della macchina.
      E' veramente un prodotto superiore?Pompa e vaso interno danno problemi?
      La differenza tra B-fire e modello più recente Dual pare essere l'isolamento dei vetri...puo' essere fastidioso il vecchio modello con vetro non isolato?
      grazie mille a chiunque possa darmi consigli
      • Re: Re: stufa bi-fire mid klover di claudio del 24/01/2018, 23:10
        Ciao viola. Io ho appena avviato una bi fire mid del 2016 un casa mia, approfondisci le potenze singole: Resa all'acqua e resa all'ambiente sia lato legna che lato pellet perché con la versione dual ho notato essere leggermente diverse e le stesse risulterebbero anche nell'attuale versione standard, precisamente un po più potenza resa all'acqua dal lato pellet, un po più potenza resa per irraggiamento in entrambi i lati, ma meno potenza resa all'acqua lato legna. Parrebbe si sia voluto avvantaggiare il lato pellet relegando a funzione di supporto e mantenimento il lato legna. Detto questo mi son per ora trovato bene. Io ho la versione con le vecchie potenze che mi permette, per i miei 270 metri cubi di abitazione in due piani, di scaldarmi con un solo lato acceso usandoli in contemporanea solo per un'ora durante l'avviamento per arrivare prima in temperatura di regime. Prima accensione solo pellet, acqua in caldaia a 13 gradi, arrivata a 58 (temperatura preimpostata a cui si avvia il circolatore) in un'ora. Tutto l'impianto di 8 radiatori dimensionato giusto sulla potenza di un singolo lato in uso era freddo percui ci é voluto un po ad andare in temperatura di regime. Oltre un'ora solo a pellet. Il giorno dopo temperatura di partenza 25 gradi in caldaia, accesi entrambi i lati e temperatura di avvio circolatore raggiunta in 20 minuti, spento il pellet ho continuato a legna e dopo altra mezz'ora in caldaia c'erano 75-77 gradi e radiatori bollenti. Sono passato da 13 gradi in casa a 16 in ogni parte della cada in poco più di 2 ore facendo solo l'avvio a pieno regime e poi andando solo a legna. Casa poco isolata comunque con vecchie finestre in legno, spifferi e vetri singoli e sottili. Un po di condensa nera nel lato legna, normale, la si può ridurre aumentando a oltre 60 gradi l'avvio del circolatore. In fin dei conti il focolare é circondato d'acqua. Occorre prendere bene confidenza con la regolazione aria lato legna per cercare di trovare la giusta posizione per caricare la stufa senza far bruciare la legna troppo rapidamente perché a differenza del pellet completamente auromatizzato, la legna é completamente manuale fatta eccezione per l'avvio del circolatore, percui un carico pieno di legna secca e valvola troppo aperta ci mette un attimo a mandarti oltre gli 80 gradi l'acqua in caldaia. Fumo non ne é uscito se non alcuni istanti a canna fumaria fredda,a appena ha iniziato a tirare non si é più ne visto fumo ne sentito l'odore

  • Oggetto: problemi inserto jotul C24 di antonio del 11/12/2017, 16:04
    Messaggio: Buonasera, ho installato un Jotul C24 ed ho riscontrato le seguenti anomalie/difettosità:

    1- cassetto cenere troppo piccolo
    2- bordo di "contenimento" legna troppo basso, con conseguente caduta cenere sul vetro e sporco quasi quotidiano ad ogni apertura di anta
    3- vetro che si sporca costantemente per mancanza presa d'aria in prossimità del vetro
    4- problemi di surriscaldamento a carico notturno

    riguardo i problemi "strutturali" credo ci sia poco da fare, il modello base secondo me è stato pensato per il minimo ingombro ed il massimo del rendimento, mentre per il surriscaldamento chiedo a qualcuno se ha il mio stesso problema, mi spiego meglio: a camino ben avviato, carico due ciocchi di legno per passare la notte, una volta avviata la combustione chiudo sia la mandata aria che la saracinesca superiore (fumi) ma nonostante questo il camino comincia una combustione talmente violenta da crearmi qualche pensiero.
    mi è stato detto che lo carico troppo (possibile?), ma a questo punto ritengo di aver montato l'inserto sbagliato (anzi, mi hanno mal consigliato!!), avendo la necessità di camino acceso 24/24 ma non in mia presenza (lavorando ho bisogno di caricare la mattina e la sera).

    Preciso che: brucio legna di qualità (quercia, carpino), alla giusta % di umidità, canna fumaria 180 cm per circa 7 metri coibentata.

    Grazie per il supporto
    • Re: problemi inserto jotul C24 di Alessandro del 13/12/2017, 16:14
      Buongiorno, se vuole le prestazioni che descrive necessita d'un inserto Canadese hanno cariche maggiorate e un controllo di fuoco differente, un saluto.
      • Re: problemi inserto jotul C24 di antonio del 14/12/2017, 09:13
        Buongiorno, grazie per la risposta, ho già visto questo tipo di soluzione ma non mi convince più di tanto, volevo capire se un inserto simile al mio, ma più capiente, potesse garantire un carico di legna maggiore ma una combustione più lenta. grazie, saluti
    • Re: problemi inserto jotul C24 di Marco del 23/01/2018, 09:22
      Ciao Alessandro , io li vedo una serie di problemi, questo inserto esce con il 150 e tu hai 180. 7 metri di canna fumaria coibentata in acciaio possono creare un eccesso di tiraggio. Hai un regolatore? La partenza/accensione la fai dall'alto al basso? Sei proprio sicuro che la legna sia ben secca?
      • Re: Re: problemi inserto jotul C24 di antonio del 24/01/2018, 16:17
        Ciao Marco, credo ti riferissi a me e non ad Alessandro; non ho il regolatore, sono sicuro di bruciare legna ben secca e accendo dal basso, l'accensione dall'alto l'ho provata un paio di volte ma non mi sono trovato bene.
        Si anche secondo me la canna tira troppo, infatti probabilmente dovrò montare un regolatore...grazie della risposta

        PS: ho la canna da 180 non per mia scelta, ma dell'installatore....

  • Oggetto: modificare una stufa a pellet in nocciolino di sansa.....è un gioco da ragazzi.... di Topolone del 09/12/2006, 15:02
    Messaggio: Ciao a tutti.... credo che abbiamo un interesse in comune , riscaldarci con combustibili naturali.....ma non lasciarci soffocare dai continui aumenti del pellet. In due anni ho messo a punto una procedura di taratura dei microprocessori ed una banale modifica da apportare alle caldaie idro che mi ha consentito di utilizzare, sia in una caldaia che in una stufa , il nocciolino di olivo ( quello lavato - bianco ..per intenderci) La modifica consente di utilizzare anche il nocciolino sporco, più economico .....però emana cattivi odori. I vantaggi : Costo del nocciolino lavato bianco 17,5 € al Qle consegnato a domicilio in sacchi da 25 Kg (23/11/2006) , contro i 40 € al Qle del pellet. La misura del rendimento calorico è ancora in fase di sperimentazione......ma vi assicuro ...molto più alto (riferito all'unità di massa combustibile) del costosissimo pellet.... In questi anni il mio interesse all'utilizzo dei combustibili naturali, la mia passione per l'elettronica e la micromeccanica , combinata con la innata mania della sperimentazione.... mi hanno consentito di raggiungere un ottimo risultato alternativo all'utilizzo del pellet. Ad oggi posso fornire la modifica per la caldaia EXTRAFLAME (costruita dal 2005 in poi) e per la stufa SICALOR ( diversi formati con processore 2004/5Mic dp.i ) La modifica potrete farla direttamente voi a casa vostra, senza avere a disposizione un'officina....io vi invierò la descrizione di come modificare i parametri del processore passo-passo.....e vi indicherò l'aggiunta di un semplice pezzo nel braciere che dovrete modellare Voi ........ in soli 6 minuti di lavoro avrete modificato il vostro apparato termico. Mi chiederete il costo della mia consulenza!!!!!!!!!.......il costo di una cena al ristorante con 4 amici )) ……….cifra ridicola in confronto agli enormi vantaggi economici di cui potrete godere........Attendo una vostra e-mail....un saluto a tutti .

  • Oggetto: Problemi accensione stufa a legna+alcool di Rela del 15/01/2018, 14:57
    Messaggio: Buongiorno,

    questa stufa ha sempre fatto un po' fatica all'accensione in quanto il fumo è sempre entrato in casa. a volte anche in maniera molto pesante (tanto da creare "nebbia" e fastidio agli occhi con la necessità di aprire tutto per areare.

    ultimamente la situazione è peggiorata e vorrei capire, siccome nessuno mi ha spiegato come usarla, se sbaglio io, o se è un problema di tiraggio

    lo sportello nasconde il cassetto che raccoglie la cenere e il relativo passaggio per l'aria.

    la levetta per l'aria è esterna sotto la griglia.

    inizialmente mettevo in pila alcuni legnetti e sotto la pastiglia accendifuoco naturale. chiuso lo sportello, aria al massimo.

    spesso fa molto fumo anche solo con questi elementi.

    ho provato ad aggiungere carta e cartone e la situazione è migliroata raggiungendo prima la temperatura, ma entra comunque fumo e devo aprire lo sportello leggermente per non fare soffocare il fuoco.

    ho provato con legnetti e carta e alcol e la situazione è migliorata molto, è sempre necessario tenere un po' aperto lo sportello prima di chiudere completamente.

    è sbagliato usare alcool per questo tipo di stufa a legna (SOLO per l'accensione iniziale, appiccando fuoco con la pastiglia accendifuoco)?
    il problema può essere dovuto al tubo che fa angolo troppo presto?
    legna di scarsa qualità?

    grazie, sotto la foto

    [IMG]https://i.imgur.com/OgdZgld.jpg[/IMG]
    • Re: Problemi accensione stufa a legna+alcool di claudio del 15/01/2018, 17:14
      usare alcool è solo imprudente, non è sbagliato per innescare la combustione. è come quando vai dal dottore e per un qualsiasi problema inizia a dirti, non bere non fumare pochi grassi pochi zuccheri poco sale....... diciamo che si coglie l'occasione per sensibilizzare a non fare una certa cosa.

      l'acool non ha un'evaporazione rapidissima quando viene spruzzato sulla legna o sulla carta percui non c'è in realtà richio di essere investiti da fiamme, anzi... a volte se lalcool arriva su una fiammella appena appiccata la spegne pure, il problema è che ogni tanto qualche furbo che non riesce ad accendere la stufa insiste un po troppo esagerando con alcool ed accendino si scotta.

      io per accendere usavo le pigne fnche non ne vietarono la raccolta, poi ho usato la carta dei quotidiani e della settimana enigmistica prima che li riempissero di foto a colori e trattamenti che non la fanno più bruciare bene come una volta

      adesso uso frattaglie di legna listelli corteccia canne, rametti ben secchi. e quando serve uso anche i quadretti accendifuoco o l'alcool, ne spruzzo un po su una pallotta di carta scottex e tempo4-5 secondi che metto via la bottiglia questo inizia ad evaporare e quando ci avvicino l'accendino si accende

  • Oggetto: stubella sideros di lorenzo del 14/01/2018, 00:21
    Messaggio: salve a tutti,
    ho visto in vendita da un privato una stubella sideros con forno del 2000 circa e vorrei sapere se è vero che consuma molta legna e non scalda affatto; qualcuno di voi ha le specifiche tecniche di questa stufa ? riuscirebbe a scaldare 70 m quadri?
    grazie
    lorenzo

  • Oggetto: Stufa Nunnaunni, sono sulla strada giusta? di ciudad del 18/01/2006, 16:03
    Messaggio: Ciao,
    stò costruendo la mia casa in legno, classe C, la parte abitativa è un sottotetto di 120 mq, diviso in zona giorno, tutto aperto, cucina soggiorno e pranzo, e notte e servizi sui rimanenti 60.
    Per riscaldare il giorno ho pensato ad una stufa Nunnaunni tipo 2 e per la notte ad una caldaia a Pellets con risc a parete.
    Ho pensato parecchio a questa soluzione ma adesso mi serve un confronto.
    Qualche buon uomo mi può confortare e confermare le mie idee.

    Grazie tanto.

    :-) Ciudad
    • Re: Stufa Nunnaunni, sono sulla strada giusta? di Berton, Udine, www.berton-ud.com - Alessia del 18/01/2006, 19:48
      Perdona se sono donna...!
      Anche se "caldeggerei" per una Tulikivi e non il marchio da te citato, direi che stai scegliendo una "vera" stufa. Poiche' le stufe in pietra ollare, oltre ovviamente al giro fumi tipo "stube/kachelofen", riscaldano in base alla massa, dovrai tassativamente calcolare la portata della tua soletta. Tieni poi presente che, cominciando ad irragiare calore dopo almeno un paio d'ore che l'hai accesa, dovrai valutare se è la più adatta per il tuo stile di vita: intendi non farla mai raffreddare del tutto e quindi garantirti un calore continuo oppure...
      Ottima direi la soluzione della caldaia a pellet. Affidati ad un bravo termoidraulico.
    • Nunnaunni...Tulikivi...o..Odin..quale la migliore scelta? di riccardo del 25/03/2006, 19:53
      Sto valutando l'acquisto si una stufa ad accumulo e fino ad oggi ho visionato i seguenti prodotti senza sinceramente avere le idee ben chiara su quale sia la migliore scelta.Chi mi sa dare indicazioni?!grazie riccardo
    • Re: Stufa Nunnaunni, sono sulla strada giusta? di aristide del 07/05/2012, 00:34
      ciao,qual'è la differenza tra la nunnauunni e la tulikivi? mi sembrano sostanzialmente uguali,cambia il prezzo ?
      • Re: Re: Stufa Nunnaunni, sono sulla strada giusta? di ValeS del 07/05/2012, 12:22
        A livello tecnologico sicuramente Tulikivi è qualche anno avanti, soprattutto sulla camera di combustione (visto che è una stufa che deve durare decenni)

        Per farti un'idea migliore ti consiglio di documetarti sui relativi siti, o canali Youtube.

        I prezzi sono simili, ma come modelli troverai design differenti.
        Ciao
        • Nunnauunni di Davide del 08/01/2018, 14:59
          Vorrei precisare che la camera di combustione delle Nunnauunni viene costruita anch'essa in pietra ollare, tale pietra è resistentissima al calore potrebbe resistere anche oltre i 1000 gradi centigradi, la camera di combustione di tutte le Tulikivi invece è in materiale refrattario, il quale si deteriora molto piu rapidamente della pietra ollare, sopratutto nell' uso errato di queste stufe.

          Cordiali Saluti a tutti.