Home page
Cerca nel sito
Ricerca specializzata
Mappa sito

Abbandono: un fuoco che si spegne

Le aziende
Link utili
Domande
Interviste

New Forum

Archivio messaggi
Regolamento Forum

Bibliografia

Mercatino New
Fiere e mostre
I restauratori

Chi siamo
Lettere

Archivio articoli




Fuoco e legna
Il riscaldamento a legna: camini stufe caldaie


BML-Plants Eng.

BML-Plants Eng. è una società specializzata nel settore degli impianti pellets che, da oltre 20 anni, è in grado di proporre consulenza, assistenza, progettazione tecnica e costruzione in campo industriale.

I nostri obiettivi sono quelli di riuscire a proporre soluzioni e charimenti in un settore ancora molto sconosciuto ma di grandissimo interesse e futuro, ovvero la produzione dei pellets. Grazie all'esperienza maturata nei vari settori tecnici (progetto, costruzione e consulenza), poniamo il Cliente nella condizione tale da avere un unico referente nel gestire un impianto industriale.
Impianto Bml

BML-Plants Eng. è una società composta da uno staff tecnico proveniente dagli uffici di engineering di aziende operanti nei seguenti settori industriali:

LINEE DI CUBETTATURA (PELLETTATURA) COMPLETE;
- MANGIMIFICI;
- IMPIANTI SPERIMENTALI PELLET (STUDI, ENGINEERING E COSTRUZIONE "IMPIANTI PILOTA");
- IMPIANTI PER LA LAVORAZIONE DI: FERTILIZZANTI ORGANICI / FERTILIZZANTI ORGANICO-MINERALE;
- IMPIANTI DI RICICLAGGIO AMBIENTE (Legno, carta, plastica,.....)

Ora, l'esperienza "raccolta" negli anni, permette a BML-Plants Eng. di proporsi come partner per la collaborazione della gestione tecnica nella costruzione d'impianti industriali. La BML-Plants Eng. si vuole proporre a:

- COSTRUTTORI / OFFICINE MECCANICHE - per fornire tutto il supporto tecnico necessario per la realizzazione di: disegni tecnici costruitivi, manuali di uso di manutenzione macchine e impianti, analisi dei rischi, calcoli strutturali.

- AZIENDE DI MONTATORI IMPIANTI - per fornire tutto il supporto tecnico necessario al P.O.S. (Piano Operativo di Sicurezza) dei cantieri.

- INDUSTRIE / IMPRENDITORI / SOCIETÁ - per fornire consulenza tecnica / realizzazione impianto pellet.

BML-Plants Eng., grazie ad un "fornito" studio di progettazione, vuole offrire un servizio specifico per particolari interventi in campo impiantistico, quali:

- Realizzazione del P.O.S (Piano Operativo di Sicurezza) per cantieri, nel settore dell'impiantistica meccanica industriale. / Ricerche normative per CERTIFICAZIONI CE.

Le presse

- Consulenza per DIRETTIVA ATEX (94/4/CE).

- Manuali Uso e manutenzione di MACCHINE e IMPIANTI.

- Analisi dei rischi (Fascicoli Tecnici MACCHINE e IMPIANTI).

- Consulenze / progetti di Meccanizzazione impianti di dosaggio/trasporto.

- Consulenze / progetti di Impianti autopulenti.

- Interventi di ammodernamento, per aumentare la produzione dell'impianto.

- Progettazione / disegni di carpenterie metalliche con relativi calcoli strutturali.

La BML-Plants Eng. può intervenire nel caso di necessita di:

- (*) costruzione impianti di cubettatura (produzione pellet);
- spiegazioni / consulenza generale per impianti pellets presso la ns. sede o tramite invio di files informativi;
- Informazioni tecniche relative all'impiantistica / fornitori;
- (*) Consulenza per Certificazioni d'impianti esistenti con relativa documentazione;
- (*) Interventi mirati o migliorie tecniche, tramite sopralluoghi e disegni costruttivi;
- (*) Offerte dettagliate:

  • per la realizzazione completa dell'impianto;
  • studi di fattibilità / lay-out;
  • solo per la realizzazione dei disegni costruttivi / engineering;
  • per la presentazione ad eventuali finanziamenti.

(*) Si intendono servizi specifici, dopo accurati chiarimenti telefonici.

B.M.L. Eng. Reggio Emilia
Se interessati o per semplici informazioni spedite un e-mail a: info < at > bmleng < dot > it
Con oggetto: informazioni imp. pellet

BML Engineering
Via Cavallotti 16 - 42100 Reggio Emilia


Dalla segatura al pellets

La cubettatura del legno ha fatto parecchie vittime durante gli ultimi anni, per gli innumerevoli problemi che si incontrano nel lavorare un prodotto così difficile.

Non tutte le presse cubettatrici sono infatti adatte a questo tipo di lavoro. Non si tratta di lavorare farine come nel caso dei mangimi, bensì di cercare di aggregare della segatura che non possiede nessun potere legante e che può stare insieme solo grazie alle estreme pressioni che si generano nella cubettatura.

Pressa legno pellets

Le presse cubettatrici devono avere robustezza ben superiore alle macchine utilizzate comunemente nell'industria mangimistica, per poter garantire dei costi di gestione compatibili con il prezzo di mercato dei pellets e allo stesso tempo dare al prodotto finale la qualità per una buona e regolare combustione.

Di fianco si può vedere una immagine del prodotto: il pellets.

Ovuli di pellets

Il parametro fondamentale per riuscire a cubettare il legno è il tipo di legno, ma soprattutto l'umidità. Infatti sono da considerarsi "cubettabili" i legni stagionati o comunque che non superano una umidità del 8 -15%; legni con umidità più alte dovranno essere essiccati.

Bisogna inoltre tener conto della quantità di scarti che si producono al giorno di segatura, ceppati o altro per verificare quanti processi di raffinatura/macinatura servono per ottener la condizione ideale: la segatura.

Normalmente l'investimento è rivolto a:

  • "importanti" esigenze di riciclaggio scarti di lavorazione a livello provinciale, regionale o nazionale;
  • "importanti" fabbisogni di combustibile ecologico a livello provinciale, regionale o nazionale;
  • aziende venditrici/produttrici di segatura fine e secca (fine = esente di trucciolo, praticamente simile a farine).

In ogni caso si dovrà essere supportati da una buona rete commerciale.

L'investimento è scoveniente e DIFFICILMENTE fattibile per:

  • artigiani che hanno intenzione di utlizzare questi impianti poche ore al giorno per fabbisogni piccoli;
  • piccole, medie realtà industriali che producono DIMENSIONI di scarti di legno notevoli.
  • piccole, medie realtà industriali, che lavorano legno molto umido (umidità > 30/50%);
  • piccole, medie realtà industriali o comunque aziende prive di rete commerciali nel settore specifico di vendita.

Si devono considerare investimenti piuttosto "importanti" e compatibili con le richieste del Cliente.
Il grosso vantaggio di questi impianti è la possibilità di riciclare materiale e di inserirsi in un mercato di sicuro interesse con ricavi ottimi. In ogni caso, il costo dell'impianto iniziale deve essere relazionato alle reali potenzialità del mercato e dalla struttura commerciale del Cliente.

Tutti gli impianti costruiti, sono sovradimensionati, ma questo è sia un vincolo dovuto alla tecnologia della pressa, sia un accorgimento per non fare funzionare l'impianto al limite, e quindi garantirne una operatività affidabile ed una manutenzione semplice, e per prevedere eventuali carichi o esuberi successivi.

Un impianto di cubettatura "standard", privo di essicatoio, è costituito da:

  • una prima parte di macinatura, che comprende una tramoggia di raccolta e un apposito raffinatore che trasforma il ceppato in segatura;

  • una seconda parte di compressione, ovvero di cubettatura della segatura, tramite una o più presse. Il pellets caldo in uscita (circa 90° C), deve essere successivamente raffreddato da un apposita macchina; è a questo punto che è importante che la segatura all'entrata rispetti i parametri indicati. Infatti se il prodotto è molto umido, in questa fase, il granulo esplode perchè l'acqua al suo interno lo fa gonfiare;

  • una terza e ultima parte dell’impianto è l'insaccatura del prodotto.

La pressa è l'elemento "base", ma non è l'unica macchina che serve per la cubettatura (pellettatura) dei prodotti. Si deve considerare un processo, e di conseguenza una serie di macchine per ogni fase di lavorazione aggiuntiva alla pellettatura. Quindi, sono fondamentali le condizioni della materia prima all'inizio del ciclo di produzione, per valutare i costi e il tipo di impianto più adatto; l'umidità, il tipo di materiale e le condizioni climatiche influiscono sulla portata della pressa. Fondamentale, è dunque, conoscere le effetive esigenze del Cliente e lo stato della materia prima.

Riassumendo
, possiamo stabilire che questi tipi d'impianti possono essere realizzati e soprattutto sono convenienti a grandi esigenze industriali e con reti commerciali molto importanti.

B.M.L. Eng. Reggio Emilia
Se interessati o per semplici informazioni spedite un e-mail a: info < at > bmleng < dot > it
Con oggetto: informazioni imp. pellet

BML Engineering
Via Cavallotti 16 - 42100 Reggio Emilia

La legna







I proprietari di casa e il condominio link banner