Home page
Pubblica annunci qui
Archivio articoli
Mappa sito
Cerca nel sito
Ricerca specializzata

Abbandono: un fuoco che si spegne

Le aziende
Link utili
Domande
Interviste

New Forum

Archivio messaggi
Regolamento Forum

Bibliografia

Mercatino New
Fiere e mostre
I restauratori

Chi siamo
Lettere



Scrivi allo Staff di fuocoelegna.it:
Indirizzo email


Staff fuoco e legna

Via Grazioli 10
I - 10076 Nole (To)


Scrivi al Webmaster
Informativa privacy

Aggiornata al
19 December 2006




Forum sul riscaldamento a legna
caminetti stufe e caldaie a legna e a pellets


Cerca nel forum:
or and

Pagina:
  • Oggetto: problemi di tiraggio con camino duo plus di davide del 31/12/2009, 17:56
    Messaggio: ho comprato casa e ho trovato un camino duo plus 70 ma non tira devo sempre tenere la porta leggermente aperta. potete darmi un consiglio per risolvere il problema?



  • Oggetto: detrazioni fiscali 2010 di enzo del 29/12/2009, 23:27
    Messaggio: Ciao a tutti,sto accicendomi a costruire un termocamino,con la realizzazione di una nuova canna fumaria.vorrei collegarlo in parallelo con una caldaia a condensazione,il tutto fatto da un tecnico abilitato.Mi chiedevo se posso richiedere la detrazione del 55 per cento,come riqualificazione energetica.Dato che dovrei acquistare anche dei mobili,potrei far risultare i lavori della canna fumaria come ristrutturazione,e richiedere gli incentivi anche per l´aquisto dei mobili stessi.Sarei molto grato se qualcuno potrebbe darmi delle risposte precise a tal proposito.Grazie mille e buon 2010
    • Re: detrazioni fiscali 2010 di Giovanni Iemmi del 30/12/2009, 09:46
      non sono informato non essendo il mio settore, ma dubito che i mobili possano essere considerati come "riqualificazione energetica", anche nelle ristrutturazioni, si parla sempre di lavori e di materiali ma l'arredamento e gli elettrodomestici non rientrano tra questi. E non credo ci siano altre leggi specifiche per incentivare i mobili
      • aiuto canalizzazione aria di Federico del 30/12/2009, 17:04
        Oggetto: aiuto rumori+canalizzazione aria di Federico del 09/12/2009, 22:13
        Messaggio: Sig. Giovanni, salve, avrei bisogno di alcuni consigli tecnici, e da quanto ho letto nel forum Lei mi sembra molto ferrato in meteria.
        Ho acquistato un termocamino cpc campione ad aria. Ho un appartamento di 67 Mq (anno costruzione 2007 altezza soffitti 2,70 m)che secondo me può scaldare interamente.
        Primo problema - rumore in aspirazione. Il camino quando aspira aria dall'esterno, produce un rumore molto forte. Come posso fare per attenuarlo?: devo cambiare il tubo flessibile corrugato con uno liscio, oppure devo insonorizzare quello che c'è?
        secondo problema - canalizzazione. Quella che c'è attualmente è praticamente insufficente poichè oltre al soggiorno raggiounge solo il disimpegno nella zona notte. (mi avevano consigliato così! altrimenti, dicevano, rischiavo di soffocare dal caldo. purtroppo invece, scaldo solo mezza casa e le camere rimangono freddine, 16 gradi.) Vado al dunque... Vorrei portare la canalizzazione su tutte le stanze (altre 2, lunghezza tubo circa 9 metri lineari in totale): per ottenere le migliori performances devo isolare i tubi con lana di vetro?, inoltre per la canalizzazione devo utilizzare tubi di diamtro ridotto?
        Se posiziono le bocchette di uscita sopra le porte (si accettano soluzioni diverse) e quindi a 50 cm dal soffitto, non richio di scaldare il soffitto e avere le stanze tiepide? (l'aria fredda presente nella stanza rallenterebbe la "discesa" dell'aria calda che già di suo va in alto) Accetto qualsiasi consiglio.

        Essendo ignorante in materia, sono a disposizione per qualsiasi chiarimento.

        Grazie

        Saluti e Auguri
        Federico
        • Re: aiuto canalizzazione aria di Giovanni Iemmi del 30/12/2009, 21:02
          mi spiace ma non conoscendo i caminetti cpc non saprei valutare, biognerebbe sentire sul posto il rumore per capire da dove proviene e come si puo' ovviare. Per quanto riguarda il riscaldamento, ho visto che il tuo è 12kw quindi 67mq li dovrebbe scaldare alla grande! Sicuramente i tubi dell'aria vanno coibentati per non perdere calore lungo il tragitto, va bene la lana di vetro o la fibra di ceramica, oppure acquista tubi appositi già isolati. Io ne uso uno ottimo specifico che costa appena circa 8 euro al metro. Il mio unico dubbio è che nell'unica immagine che ho trovato online, sembra che abbia solo 2 predisposizioni per le canalizzazioni.Per il diametro conviene usare quello delle uscite del caminetto, senza diminuirlo o aumentarlo per non modificarne la portata. Il metterle in alto rallenta si un poco il riscaldamento della stanza, ma non in maniera troppo rilevabile, io talvolta le metto anche a soffitto con ottimi risultati
          • aiuto canalizzazione aria di Federico del 31/12/2009, 17:48
            Innanzi tutto ti ringrazio per la risposta. Il rumore in pratica e' l'effetto dell'aspirazione dell'aria (presa d'aria dall'esterno) che poi si amplifica nel tubo corrugato.
            Se non e' troppo disturbo, posso inviarti(in qualche modo) la piantina con la canalizzazione che vorrei realizzare per avere un tuo punto di vista?
            Inoltre (non so se il regolamento del forum lo permette) potresti dirmi la marca dei tubi che utilizzi cosi' da poter rintracciare un fornitore?
            Grazie ancora per l'aiuto e rinnovo gli auguri.

  • Oggetto: Polvere bocchette termocamino di marco del 30/12/2009, 13:11
    Messaggio: Buongiorno,
    vorrei sottoporvi all'attenzione il mio problema. Ho da poco installato un termocamino Clam (modello Favilla) ad aria collocato in posizione centrale del soggiorno. Il termocamino prende aria esterna dal terrazzo coperto mediante due tubi da 60 posti sotto il massetto (circa 2 metri di lunghezza) e aria interna da una bocchetta collocata poco sopra il battiscopa. Durante le prime accensioni ho avvertito un po di normale puzza come scritto nelle istruzioni, dopodichè nelle successive due settimane mi sono accorto che all'interno di tutto il mio appartamento (80 mq) si deposita della fine polvere nera che al 100% deriva dall'aria emessa dalle due bocchette del termocamino. Come è possibile? Il venditore mi ha detto che potrebbe essere dovuta alla polvere che si è depositata nella tubazione di presa dell'aria esterna durante i lavori di cantiere (mi sembra poco probabile)e mi ha detto di provare a mettere dei filtri (come quelli per le cappe)sulla bocchetta di presa aria esterna e su quella di presa aria interna per vedere se aspira aria sporca; io vorrei metterli anche sulle bocchette di emissione dell'aria (ma non se si possono bruciare) per capire dove può essere il problema. Se qualquno può darmi qualche consiglio lo ringrazio di cuore in anticipo perchè il problema è serio visto che uso il camino per riscaldare casa e respirare questa polvere credo sia altamente nocivo.
    • Re: Polvere bocchette termocamino di Giovanni Iemmi del 30/12/2009, 17:24
      io talvolta uso quei materassini per le cappe, se vai in un negozio di ricambi per elettrodomestici lo vendono sfuso e non costa un gran che. Per la temperatura pero' io lo uso solo sulle griglie al termine delle canalizzazioni, piu' lontano dal caminetto, se le tue bocchette sono sul caminetto stesso, sulla cappa, forse le temperature sono troppo elevate e rischi che si bruci.

  • Oggetto: smaltare stufa in terracotta di Andrea del 30/12/2009, 12:26
    Messaggio: Ciao a tutti, ho una stufa in terracotta, tipo quelle della Becchi e della Felici, che vorrei rendere impermeabile. La superficie della stufa non raggiunge altissime temperature ma comunque in alcuni momenti scotta vicino alla camera di combustione. Possibilmente vorrei ottenere un effetto semilucido. Che materiali potrei usare per "smaltarla"? Smalti sintetici? Cere?

    Grazie e auguri a tutti per un sereno 2010.
    Andrea

  • Oggetto: scamol e tiraggio di giannisegala del 29/12/2009, 19:20
    Messaggio: Ciao Giovanni , ho ancora qualche domanda per te : Ho scoperto oggi , dopo che la mia stufetta Scan Andersen 1 non andava più: fumo, vetro sporco e niente combustione , questo dopo aver funzionato divinamente per due mesi. Stamani , dopo aver aperto il tratto di ispezione posto nel tubo sopra alla stufa , ho trovato un intasamemto incredibile di fuliggine che non permetteva chiaramente alla stufa di funzionare ; premetto che la stufa è accesa tutti i giorni da due mesi , é normale lo sporco trovato o secondo te c'è qualcosa che non va ? era forse meglio mettere sul tubo una leva di tiraggio ? Altra domanda : siccome volevo acquistare una stufetta uguale per la taverna ho scoperto che questo modello non è più in produzione ed è esaurita, ne hanno ancora una simile, ad irraggiamento , mentre la mia è a convenzione ed ha le protezioni ai lati in ghisa. Quella disponibile pur pesando 20 kg in meno scalderebbe di più? ho letto sule istruzioni che i mobili devono essere posti almeno a 60 cm di distanza dalla stufa , mentre nella mia solo a 30cm , come mai ? Ultima domanda : il vetro nelle stufette scandinave è vero che è una novità? e una volta gli sportelli erano chiusi senza vetro? Ho notato nella mia stufetta che il vetro, pur non accumulando calore emana un caldo pari alla ghisa. Dunque non è solo uno sfizio ottico il vetro sullo sportello ? o no? Grazie Giovanni per la gentilezza e competenza che hai sempre dimostrato. Auguro a te e a tutti i lettori del forum gli auguri di un felice e prospero 2010. A presto.
    • Re: scamol e tiraggio di Giovanni Iemmi del 29/12/2009, 21:52
      wow, quante domande! provero' ad andare con ordine per non dimenticare nulla: - il problema del tubo intasato puo' dipendere da 3 fattori: condensa causata da un problema alla canna fumaria, da legna troppo umida o verde o da un uso sbagliato delle regolazioni della stufa, sapresti descrivermi le incrostazioni? sia nel tubo che sul vetro, opache o lucide, solide/secche o umide/catramose? - la leva di tiraggio serve nel caso di tiraggio eccessivo che sicuramente nel tuo caso non c'è altrimenti ti avrebbe evitato l'intasamento del tubo qualunque sia la causa -la differenza tra irraggiamento e convezione la si nota nel fatto che la stufa ad irraggiamento è piu' adatta ad un ambiente unico aperto non troppo grande perchè il calore è piu' forte vicino alla stufa (da qui la distanza maggiore dai mobili ) e cala progressivamente allontanandosi dalla stufa. Quella a convezione muovendo di piu' l'aria calda rende piu' omogenea la temperatura in ambienti grandi o suddivisi. Non tratto e quindi non conosco tutti i modelli Scan, ma ti consiglierei di valutare le Morso, anch'esse danesi e similari come design e hanno modelli a convezione anche su picole dimensioni, dipende che potenza ti occorre. - il vetro in generale è presente su tutte le stufe in ghisa da almeno 15 anni o forse anche 20. A livello di riscaldamento in effetti non cambia per via dell'irraggiamento, ma a parte il fattore estetico, il grande vantaggio è quello di poter valutare quando la stufa è da caricare o da regolare il tiraggio senza dover aprire lo sportello il che causa un'abbassamento della temperatura in camera di combustione con relativo aumento dei consumi (motivo per cui conviene caricare le stufe moderne sempre il piu' possibile anzichè mettere un pezzo di legno ogni 2ore)
      • Re: Re: scamol e tiraggio di Giovanni Iemmi del 30/12/2009, 09:42
        ciao Gianni, non ci avevo pensato prima, ma se ti interessasse, tra le ultime stufe rimaste che sto vendendo scontate, ho anche una Morso 3440 (8kw convettiva). Se vuoi puoi dargle un'occhiata sul mio sito www.iemmi.com

  • Oggetto: Parametri regolazione IRIS Edilkamin di Mario+ del 03/02/2006, 13:00
    Messaggio: Qualcuno ha i documenti tecnici di regolazione parametri della stufa IRIS Edilkamin?

    Ciao e grazie

  • Oggetto: oltre la stube? di Chiara del 29/12/2009, 09:11
    Messaggio: Buon giorno a tutti, vi pongo una rapida domanda: in un ambiente unico molto ampio (c.ca 85 mq con alti soffitti) ho installato quest'anno una stufa ad accumulo (in muratura) di una nota ditta austriaca con potenza dichiarata di 6,2 Kw. Sono molto contenta della stufa ma, presumibilmente anche per l'isolamento non ottimale del locale (grandi vetrate, nessun isolamento ai muri...) è stato indispensabile comunque, i primi giorni di dicembre, integrare il riscaldamento con l'impianto a pavimento (per raggiungere 19/19,5 gradi). Mi chiedevo, avendo lo spazio adeguato, se fosse una mossa intelligente aggiungere alla stube una stufa a convenzione (ghisa, acciaio...) avendo comunque disponibilità di legna. Che ne dite? Grazie.
    • Re: oltre la stube? di Gianni del 29/12/2009, 12:54
      Forse in fase di progettazione si doveva tenere conto un pò di tutto e costruire una stube più potente, ora aggiungere una stufa non è un problema ma dovrai creare una canna fumaria apposita e ti consiglio di scegliere un modello con possibilità di avere la presa d'aria per la combustione canalizzabile in modo da non avere prese d'aria libera nel muro ed eliminare ulteriore aria fredda a terra che si verrebbe a creare. Ma facendo due calcoli, credo che il pavimento radiante sia economicamente conveniente e forse la spesa di una stufa e della sua installazione non è brevemente ammortizzabile. Senza tener conto poi che il comfort del pavimento radiante è invidiabile...
      Ciao!
    • Re: oltre la stube? di badinistore del 29/12/2009, 15:12
      Secondo il mio modesto parere si doveva pensare ad una soluzione più grande e quindi con una efficienza maggiore rispetto ai 6,2kW proposti, soprattutto per le ampie vetrate e il poco isolamento.
      Comunque è facile parlare "col senno del poi" quando ormai le cose sono state compiute.
      Io personalmente ti consiglierei una bella stufa di design da 7-9 kW tipo Skantherm o Scan così oltre a scaldarti bene tutto l'ambiente godrai anche della compagnia della fiamma e del design che non guasta mai.
      Ti avviso che sono di parte e quindi non posso che parlare bene delle mie stufe.
      Ciao e buon 2010 a te e a tutto il forum.

      www.badinistore.com
      • Re: Re: oltre la stube? di Chiara del 29/12/2009, 18:04
        Grazie! Lo spazio per la stube purtroppo era obbligato, così come la posizione (centrale ma su di un muro esterno...). Fermo restando che sapevo trattarsi di una fonte di calore integrativa e non sostitutiva. Ma ora... l'appetito vien mangiando e la possibilità di avere un punto fuoco ulteriore mi alletta.. volevo capire se le due fonti potessero eventualmente essere risolutive e limitare ancor di più l'utilizzo del gas.
        ps: ho intenzione di fare un salto alla fiera di Verona, sapete se è solo per addetti ai lavori o si può entrare anche come sempici visitatori? Se è possibile e come, nella prima ipotesi, reperire un biglietto invito?
        Grazie ancora

  • Oggetto: Consigli per entrare nell'acquisto caldaia a pellet di giovanni carlo tettamanzi del 28/12/2009, 19:06
    Messaggio: Ho perso tempo per un anno intero nella indecisione investire in un riscaldamento a pannelli solari (conto energia) oppure nel campo "caldaia a pellet".
    Nel frattempo i prezzi di quest'ultime sono volati(???!!!!)e continuo a navigare nell'incertezza ma scopro che se avessi deciso "mi avrebbero letteralmente spellato"
    (ci vuole saperne di più si faccia avanti.

    In poche parole cerco di spiegare la mia situazione: spendo in metano 4500/5000 e/anno per riscaldamento-sanitari-cucina (5 persone)- casa due appartamenti con scala interna (200mq + tromba scala h 8m)-una caldaia metano vecchia servita da 3 pompe (pt+1°p+ pompa ai sanitari.

    Vi ringrazio anticipatamente se mi trattate l'argomento con tutti i consigli del caso - quanto devo correttamenmte investire, su che cosa, qual'è il momento giusto farlo, che spesa massima si potrebbe fare eccetera.
    Ho letto il vs blog ed ho notato che la parola prezzo ricorre spesso ma nessuno cerca di quantificarla (esempio una caldaia tipo...da... presa al prezzo massima di... altrimenti... non fare l'acquisto se...eccetera...)

    Grazie e buone feste.

  • Oggetto: fischio di Giuseppe del 28/12/2009, 14:14
    Messaggio: mi sapete dire come posso risolvere il fischio che fa la canna fumaria quando tira un po di vento

  • Oggetto: aspiracenere a acqua di gianna del 28/12/2009, 13:22
    Messaggio: Io ho acquistato il bidone aspiracenere "Mangiafuoco" della Beper e mi sono accorta che è praticamente uguale al "Cenero" della Luroma.
    Il difetto del bidone sta nel fatto che la ditta costruttrice lo ha munito pure di un foro con la funzione soffiante, succede che appena lo strato superficiale dell'acqua usata come filtro si satura di fuliggine, la stessa comincia a fuoriuscire dal foro che funge da soffiatore, mi ha praticamente sporcato tutta la casa per ben due volte, cosa segnalata anche da altri utenti.
    Ma possono due ditte diverse produrre prodotti praticamente identici?
    La parte superiore è uguale, l'unica cosa che cambia è che mangiafuoco ha le ruote.

<< Pagina precedente | Pagina successiva >>