Forum

Cerca nel forum:
or and

Vai alla radice del thread

Vai al messaggio precedente

  • Oggetto: "Re: Re: Re: TERMOCAMINO "Vulcano " contro "Clam"" di Luigi Savino del 18/03/2009, 07:53
    Chiedo scusa in quanto nel mio intervento precedente ho scambiato il nome di Andrea con quello di Gianni. Pertanto quanto scritto a Gianni vale per Andrea e viceversa.Chiedo ancora scusa ad entrambi. Luigi Savino

  • Leggi il regolamento del forum. Il tuo indirizzo IP: 107.22.48.243 viene memorizzato, ma non visualizzato.

    Il tuo nome:
    La tua email:
    Verifica. Riscrivi email:
    Oggetto del messaggio:
    Il tuo messaggio:

    La password è 071858. Inserisci la prima e l'ultima cifra della password senza spazi nel codice di controllo!

    Codice di controllo:

    Con l'invio del messaggio dichiari di aver letto:

    Dichiari inoltre di accettare la pubblicazione del tuo messaggio sul sito e di assumerti ogni responsabilità civile e penale in merito al contenuto del messaggio. La tua email serve come verifica utente per poterti contattare in merito ai contenuti del tuo messaggio e non viene pubblicata. Se inserisci un tuo indirizzo email valido, ti viene spedita una email che ti autorizza a pubblicare il messaggio.

    Messaggi di risposta:

    Re: Re: Re: Re: TERMOCAMINO "Vulcano " contro "Clam" di Gianni del 18/03/2009, 13:30
    Voglio precisare..
    le temperature di uscita fumi sono importanti per capire il funzionamento di una macchina, ma alla base del meccanismo si scontrano alcuni fattori.
    Il motore di un qualsiasi camino o stufa è la canna fumaria. Il tiraggio assicura il ciclo di combustione, aspirando aria per la combustione ed evacuando i fumi.
    Il tiraggio è strettamente legato al calore poichè i gas tendono a salire più velocemente se più caldi.
    Se tutto il calore sprigionato per la combustione viene assimilato dallo scambiatore non ce ne sarà a sufficienza per mantenere un buon tiraggio. Questo vale soprattutto per i camini ad acqua che hanno nella creazione di condensa e incrostazioni il punto debole.
    Quindi una visione superficiale delle schede tecniche potrebbe far pensare che una uscita fumi più bassa sia sempre un vantaggio, ma non lo è. Ci vuole equilibrio per non trovarsi a fare pulizie della canna e del camino troppo di frequente. Lo stesso vale per la partenza della pompa acqua. Mai troppo in basso per evitare condensa eccessiva.
    Inoltre, il rivestimento di un camino non determina un annullamento del calore emanato per irraggiamento.
    I materiali di rivestimento tendono comunque a scaldarsi e creano una sorta di parete radiante. E l'aggiunta di una griglia di sfiato nella parte alta della cappa assicura anche un recupero di aria calda. Anche il vetro cede abbastanza calore all'ambiente.
    Detto questo, credo che i tecnici della vulcano abbiano tenuto in considerazione molti aspetti (positivi e negativi) per poter creare un prodotto che sia di alto rendimento ma non a scapito della manutenzione e pulizia.
    Ciao!
    • Re: Re: Re: Re: Re: TERMOCAMINO "Vulcano " contro "Clam" di Luigi Savino del 19/03/2009, 08:16
      Ciao Gianni. Quello che ha scritto corrisponde alla realtà al 100%. Purtroppo la confusione nasce proprio dai costruttori. Infatti la marcatura CE, prevede alcune targhe sul termocamino, in una delle quali ci deve essere indicata anche la temperatura dei fumi. Io ho visitato la mostra convegno di Milano, Progetto fuoco a Verona, la termoidraulica di Roma ed altre manifestazione del settore, non ho visto un solo termocamino oltre a Vulcano, dotato delle targhe come prevede la norma CE. Comunque, mi fa piacere che ci siano persone come lei che analizzano le cose in profondità e danno pareri informati. Ciao e buona giornata. Luigi Savino