Home page
Pubblica annunci qui
Archivio articoli
Mappa sito
Cerca nel sito
Ricerca specializzata

Abbandono: un fuoco che si spegne

Le aziende
Link utili
Domande
Interviste

New Forum

Archivio messaggi
Regolamento Forum

Bibliografia

Mercatino New
Fiere e mostre
I restauratori

Chi siamo
Lettere



Scrivi allo Staff di fuocoelegna.it:
Indirizzo email


Staff fuoco e legna

Via Grazioli 10
I - 10076 Nole (To)


Scrivi al Webmaster
Informativa privacy

Aggiornata al
19 December 2006




Forum sul riscaldamento a legna
caminetti stufe e caldaie a legna e a pellets


Cerca nel forum:
or and

Pagina:
  • Oggetto: Canalizzazione aria calda di Fabio del 11/01/2006, 16:02
    Messaggio: Per la realizzazione della canalizzazione dell'aria calda di un caminetto Palazzetti Ecomonoblocco E78 utilizzo tubi di lamiera zincata del 14'. Non riuscendo a trovare i relativi "V" per far uscire l'aria nelle camere li ho presi in Pvc arancione. Pensate che il Pvc abbia problemi o posso stare tranquillo? in fondo sono solamente i V e non tutta la canalizzazione.
    Grazie



  • Oggetto: chiusura griglia dell'areazione di gigi del 04/01/2006, 08:45
    Messaggio: Ho una stufa tirolese "piena" con l'aggiunta di una porta a vetro.
    Mi è stato riferito di non chiudere l'areazione finchè si vede la brace incandescente.
    Questa tecnica rende la stufa poco efficace in quanto dopo 6/7 ore è quasi fredda.
    Qualcuno mi può aiutare nel comprendere meglio quando chiudere l'aereazione?.
    grazie
    • Re: chiusura griglia dell'areazione di germano del 11/01/2006, 12:19
      ciao, anch'io ho una stufa tirolese e sono 5 anni che la uso, io la chiudo anche se c'è un po' di fiamma, non deve passare aria fredda.

      Ciao

  • Oggetto: Pulizia vetro ceramico di Anna del 16/12/2005, 22:10
    Messaggio: Come si toglie la fuliggine nera dal vetro ceramico dello sportello del caminetto senza rigarlo? ho provato con alcool e vetril ma purtroppo restano delle macchie nere.
    • Re: Pulizia vetro ceramico di Maik del 17/12/2005, 01:28
      Ci sono vari metodi che ho sperimentato, di certo ti conviene evitare l'alcol e il vetril perchè impastano tutta la fuliggine, ti conviene usare piuttosto cenere mista acqua, da strofinare con fogli di giornale appallottolati.
      Se lo strato di nero è spesso, passa prima con una lametta da barba, vedrai che aiuta!
      Ciao
    • Re: Pulizia vetro ceramico di stefano del 17/12/2005, 10:39
      IO mi trovo benissimo con il tergiforno la fuliggine si scioglie da sola senza dover grattare; attenzione però a non farlo andare su parti verniciate .
      • Re: Re: Pulizia vetro ceramico di Berton, Udine, www.berton-ud.com - Alessia del 22/12/2005, 15:56
        A parte i prodotti attualmente in commercio e reperibili anche in ferramenta (spray detergenti per vetri ceramici/varie marche), esiste anche un metodo molto naturale: bagnare uno scottex di carta, intingerlo di cenere e quindi strofinare il vetro (a freddo, ovviamente). Chiaro che se lo sporco e' particolarmente esteso (vedi vetri di caminetti) o fermo da parecchi giorni, l'operazione potrebbe risultare alquanto difficile. Ma se si ha l'accortezza di pulire il vetro ogni giorno anche questo banalissimo sistema puo' risultare efficace, economico ed ecologico. Da tener poi presente che i vapori chimici degli spray su citati potrebbero, a distanza di tempo, corrodere (sfogliare) irrimediabilmente eventuali parti in ghisa.
    • Re: Pulizia vetro ceramico di giovanni del 23/12/2005, 17:46
      guarda che da castorama - e sicuramente anche altrove - al reparto fumisti/stufe trovi un prodotto specifico per la pulizia dei vetri: l'ho provato, scioglie tutto perfettamente. Attenzione a pavimento e superfici delicate. Guarda che le bottiglie di plastica bianca sono di due tipi e forse neanche castorama lo sa chè le mette tutte insieme: da usare sul vetro freddo o quelle da usare direttamente sul vetro ancora caldo. Io ho preso quest'ultima e va benissimo. Non te la regalano...
    • Re: Pulizia vetro ceramico di diego del 25/12/2005, 20:58
      prova con soluzione di acqua-ammoniaca 5%,e per le macchi ostinate usa lo stesso straccio ibevuto di soluzione ''impanato''in cenere fine e strofina con moderazione(prova in un angolino poco visibile del vetro;i vetri non sono tutti uguali come qualita')
    • Re: Pulizia vetro ceramico di paolo del 09/01/2006, 23:13
      io uso "FULIGGI stop" della Rhutten e mi trovo bene: prima pruzzo il prodotto nella parte alta del vetro, poi lo allargo con fogli di carta di quotidiano; quando tutta la fuliggine si è sciolta pulisco con nuove pagine di carta;
      poi dò una passata con un paio di pagine inumidite nell'acqua tiepida, ed in fine con panno carta ed alcol.
      • Re: Re: Pulizia vetro ceramico di Fausto del 11/01/2006, 11:24
        per la pulizia del vetro del camino uso cenere ed acqua calda.Inumidisco prima il vetro con l'acqua poi con la cenere del camino sopra una spugna pulisco il vetro, mi sembra un sistema molto economico ed ecocompatibile.La cosa è anche consigliata dai manuali dei camini Jotul.P.S.sto cercando delle ventole per il riscaldamento ad aria calda in uscita dal caminetto, da posizionare nelle stanze perchè aspirino, se qualcuno conosce dei possibili fornitori ho anche scritto un messaggio il 2 gennaio 2006

  • Oggetto: vetro sporco stufe a pellets di Maurizio del 11/01/2006, 10:58
    Messaggio: Qualcuno mi sà dire se il vetro sporco di una patina grigio/biancastra dopo 5-6 ore di funzionamento è indice di malfunzionamento? La mia stufa è una palazzetti da 11KW ed ha 2 mesi e mezzo di vita. grazie

  • Oggetto: legna in garage di Laura Franchini del 10/01/2006, 10:49
    Messaggio: Buongiorno,

    utilizzo il caminetto a legna per riscaldare, ma nel regolamento condominiale si dichiara che, secondo la legge anti-incendio dei vigili del fuoco, non è possibile accatastare nei garages materiali combustibili, tra cui anche la legna? Sapete dirmi se corrisponde a realtà? E dove dovrei tenere la legna che uso giornalmente?
    Grazie Mille
    Laura Franchini
    • Re: legna in garage di Berton, Udine, www.berton-ud.com - Alessia del 10/01/2006, 15:39
      Regolamenti o meno (che non conosco ma puoi chiedere direttamente ai vigili del fuoco se almeno fanno una distinzione fra combustibili fossili e biomasse), la legna si stagiona in modo ottimale lasciandola all'aperto (coperta solo sopra per ripararla dalla pioggia) e non in spazi chiusi, ammenochè non siano molto ben ventilati. Per una resa calorica eccellente (vedi poi vari tipi) la legna deve stagionare almeno due anni e dovrebbe essere tagliata nella luna giusta... anche se sembra una fiaba ma non lo è.

  • Oggetto: Inserto a pellet di Mauro del 10/01/2006, 13:27
    Messaggio: Salve a tutti, chiedo cortesemente se esiste un inserto per camino a PELLET con la possibilità di canalizzare l'aria in altre stanze...oppure con la possibilità di allciare il sistema di riscaldamento idraulico(caldaia). So che queste sono soluzioni adottabili con le normali stufe a pellet ma non so se esiste anche per gli inserti.
    Grazie
    Mauro
    • Re: Inserto a pellet di Berton, Udine - Alessia del 10/01/2006, 15:30
      Sì, esistono, vedi ad esempio Palazzetti, sia versione aria che acqua, sia solo pellet che legna/pellet.

  • Oggetto: TERMOCAMINO di MARIO DE SANTIS del 10/01/2006, 14:41
    Messaggio: HO ACQUISTATO UN TERMOCAMINO ( CON PRODUZIONE DI ACQUA SANITARIA )MODELLO EV 28000 PRISMA DELLA VIBROK CAMINETTI CON ALIMENTAZIONE A LEGNA , VORREI SAPERE SE E POSSIBBILE MODIFICARLO INSERENDO UN ALIMENTATORE A PELLET PER POTER ACCENDRE IL TERMOCAMINO ANCHE IN MIA ASSENZA . GRAZIE

  • Oggetto: Trasformazione caminetto di Sabrina del 09/01/2006, 15:31
    Messaggio: Vorrei sapere se è possibile trasformare un caminetto classico in refrattario in caminetto termico, senza però sostituire il caminetto stesso ed inserendo magari una apposita attrezzatura, che verrà poi allacciata alla caldaia e mi consenta di scaldare la casa senza usufruire del gpl.
    • Re: Trasformazione caminetto di Berton, Udine - Alessia del 09/01/2006, 19:53
      Qualcuno lo fa, facendo passare nella camera di combustione dei serpentini dove passa l'acqua per il riscaldamento di radiatori e/o produzione di acqua sanitaria. Devi però trovare un bravo termoidraulico appassionato che l'abbia già fatto e che quindi ti sappia dire anche tutti gli eventuali limiti di risultato rispetto alle tue aspettative ed il tuo attuale impianto.
      • Re: Re: Trasformazione caminetto di Sabrina del 10/01/2006, 14:34
        C'è qualcuno in questo Forum che lo ha fatto e che mi sappia dare un'idea dei costi? Grazie per la risposta.Ciao

  • Oggetto: riscaldamenti a pavimento e termocamino di Silvia del 10/01/2006, 12:39
    Messaggio: Buongiorno,
    abito da diversi anni in una casa su due piani in cui i termosifoni e l'acqua sanitaria, sono scaldati con un grosso termocamino della Framar oppure con una caldaia a GPL. Purtroppo l'impianto idraulico, sia del riscaldamento che dei sanitari, non è fatto molto bene, è vecchio e a disposizione un po' casuale (per ricevere acqua calda dai sanitari dovo aspettare oltre 4 minuti!) Ho tanta voglia di rifare un po' di cose e buttare per aria tutto visto che anche l'impianto elettrico lascia a desiderare. Mi sorride molto l'idea del riscaldamento a pavimento con il quale spero di risolvere un po' il problema della secchezza dell'aria (non so se è vero) e dei baffoni neri in giro sui muri, eliminando completamente i termosifoni, ma mantenendo il termocamino che ha solo 5 anni. Nel fare il lavoro rifarei tutte le tubazioni e gli impianti, magari predisponendo il tutto prima nel piano superiore e poi in quello inferiore. Secondo voi è un'idea accettabile o è un colpo di testa dispendioso e insensato?
    grazie a tutti
    Silvia
    • Re: riscaldamenti a pavimento e termocamino di silvius del 10/01/2006, 13:10
      Per il problema della secchezza dell' aria ci sono soluzioni decisamente più economiche che rifare l' impianto con sist. pavimento. Per i baffi sui muri li risolvi sicuramente.
      Con sist. pavimento hai un ottimo confort ma non ti aspettare grossi risparmi, se non vuoi fare l' impianto a pavimento l' importante è che sovradimensioni i corpi scaldanti del 30% in modo da fruttarre caldaie a condensazione.

      Per il termocamino puoi sfruttarlo con il sistema a pavimento, ma un termoidraulico ti consiglierà meglio come fare.

  • Oggetto: camino che non scalda di alessandro del 25/12/2005, 09:25
    Messaggio: Ho appena installato il mio primo caminetto. La marca e' un "Les Radiantes". Non ho esperienza con i caminetti ma sto provando una delusione incredibile. A parte la fuliggine che mi ha gia' macchiato il soffitto, il caminetto non scalda affatto. E' impressionante come nemmeno vicino al vetro non ci sia calore. Confrontato con la mia stufa Olsberg il caminetto e' nulla. Vorrei chiedere se qualcuno nel forum mi sa dire se e' normale oppure se c'e' stato un errore nell'installazione.
    • Re: camino che non scalda di diego del 25/12/2005, 20:47
      verifica la canna fumaria ed eventualmente mettici un regolatore di tiraggio
    • Re: camino che non scalda di paolo del 09/01/2006, 23:04
      ho il tuo stesso problema: se metto la mano vicino al vetro sento una minima quantità di calore da irraggiamento; sento effetto irraggiamento solo quando il fuoco è estrememente vivace e le lastre di rivestimento interne della zona braciere sono pulite (non sporche di fuliggine). Penso che in qualche maniera anche il vetro, sebbene pulito, trattenga il calore.

<< Pagina precedente | Pagina successiva >>