Home page
Pubblica annunci qui
Archivio articoli
Mappa sito
Cerca nel sito
Ricerca specializzata

Abbandono: un fuoco che si spegne

Le aziende
Link utili
Domande
Interviste

New Forum

Archivio messaggi
Regolamento Forum

Bibliografia

Mercatino New
Fiere e mostre
I restauratori

Chi siamo
Lettere



Scrivi allo Staff di fuocoelegna.it:
Indirizzo email


Staff fuoco e legna

Via Grazioli 10
I - 10076 Nole (To)


Scrivi al Webmaster
Informativa privacy

Aggiornata al
19 December 2006




Forum sul riscaldamento a legna
caminetti stufe e caldaie a legna e a pellets


Cerca nel forum:
or and

Pagina:
  • Oggetto: Riparazione stufa becchi di Giuliano del 15/03/2006, 22:45
    Messaggio: Ho una stufa becchi che uso da 22 anni e si è staccata una parte del soffitto (circa 1 dm2di superficie)del focolare .Attualmente la sto usando senza problemi, ho paura che mi lasci a piedi.Chi mi da consigli per la riparazione? Abito sul lago di garda.Le stufe moderne hanno meno giro fumi della Becchi,non è che consumi
    no di più di questa? Volendo sostituirla quale mi consigliate(anche con forno)di simile? Grazie
    chimigi@libero.it
    • Re: Riparazione stufa becchi di Berton, Udine, www.berton-ud.com - Alessia del 17/03/2006, 20:39
      Visita questo sito www.feliciterrecotte.it
      Il Sig. Felici produce ancora queste stufe in terracotta ed esegue anche riparazioni.
    • Re: Riparazione stufa becchi di Marco del 17/03/2006, 23:20
      Giuliano, ma si è rotto il soffitto di cotto, oppure solo il rivestimento interno in refrattario? Perchè nel secondo caso potresti tranquillamente provvedere con del cemento refrattario, non è impossibile da fare come lavoro...in quanto a consigliare stufe nuove mi dispiace ma non sono informato, ciao :.)
    • Re: Riparazione stufa becchi di juri del 06/06/2013, 22:48
      buonasera, lo so che sono passati tanti anni e scusami se la disturbo. io sono un ragazzo che lavora alla fabbrica felici di prato. e a tempo libero riparo le stufe vecchie. se sei interessato mi puoi chiamare su questo numero 3204575447 . riparo stufe in terracotta becchi , felici, ecc.
      • Re: Re: Riparazione stufa becchi di Alessandro Salimbeni del 09/06/2013, 21:51
        Due anni fa feci restaurare una stufa dal Felici ma dopo una stagione di funzionamento mi è rimasto ben poco e non sono valse a nulla le mie lamentele. Spero che almeno tu sia un po più serio e che sia disponibile a garantire il lavoro (non solo a parole).
        • Re: Re: Re: Riparazione stufa becchi di emilio del 11/06/2013, 14:40
          salve,posso aiutarti, un recato, ho costruito e restaurato stufe in terracotta per 40 anni mai avuto problemi.



  • Oggetto: Pellets dal Miscanto di manuela del 20/07/2006, 22:29
    Messaggio: Per tutti coloro che sono interessati ad utilizzare i pellets ad un prezzo ragionevole senza timore né di rimanerne senza, né di essere causa di un nuovo disboscamento a livello europeo ed internazionale. Ecco la buona notizia: siamo riusciti a trovare un sistema di produrre pellets dal miscanto (per chi non sa cosa sia può leggere in wickipedia)e l'abbiamo anche brevettato. Il miscanto si può coltivare dappertutto ed ha una resa eccezionale. Vi scrivo dalla Germania dove si trova la nostra ditta. I nostri pellets hanno una resa superiore di circa il 20% rispetto a pellets di legno a norma Ö (classe A). Non contengono agenti chimici di nessun tipo né resine.La caldaia o la stufa restano puliti. La nostra idea è di entrare nel mercato italiano direttamente e senza intermediari. Se doveste chiedervi chi siamo potete venire a trovarci alla pagina www.ebm-rt.de, finora ci siamo concentrati su pellets da miscanto(miscasan)per scuderie,zoo, piccoli animali domestici, ci restava aperto il settore riscaldamento con cui intendiamo partire da Settembre 2006. Il nostro prezzo per sacco da 15 kg è di circa 4,50, considerando però che la resa è 20% superiore il costo effettivo è di 3,60 per assoluta qualità proveniente da una pianta che si lascia coltivare sui nostri territori velocemente e senza impoverimento del suolo. Se vi ho incuriositi sarò lieta di rispondere alle vostre domande o di registrare i vostri ordini che perverranno all'indirizzo ute.neumann@ebm-rt.de.
    • Re: Pellets dal Miscanto di LIVIO del 21/07/2006, 01:57
      Non voglio fare copia-incolla, è già abbastanza tardi, per chi fosse interessato andate a leggere di là il mio PERSONALISSIMO giudizio.

      http://www.ecoblog.it/post/621/stufe-a-pellets/24#show_comments

      FELICE, tu che ne pensi? Ci interessa la tua opinione come tecnico. Comunque ci penserà il mercato a giudicare positivamente o meno queste nuove iniziative, ma credo che come prezzi per cosa offrono, siano alquanto altini. Ma a questo mondo c'è spazio per tutti!
      Ciao LIVIO livton/cuneo di là :))
      • Re: Re: Pellets dal Miscanto di Felice del 21/07/2006, 10:00
        Caro Livio,io a queste iniziative, ci stò molto attento, perchè con la nebulosità che cè in questo settore è molto difficile, vedere dei raggi di luce, saluti,Ciao, Felice.
    • Re: Pellets dal Miscanto di Felice del 21/07/2006, 09:50
      Buongiorno, io conosco benissimo il materiale con cui fabricate il vostro pellets, ma ciò che mi dà da pensare, è come intedete distribuirlo, in _Italia,senza intermediari, avete una rete di vendita?
      avete sei vostri distributori? avete dei vostri vettori? Perchè se vi manca una di queste cose,io penso che la fattibilità, di una vostra apparenza sul mercato Italiano, sia alquanto problematica ,saluti,Felice.
    • Re: Pellets dal Miscanto di Adele Lacchini del 05/06/2013, 11:04
      Buongiorno. Mi chiamo Adele e abito in Valle d'Aosta. Da tempo cerco del pellet di myscantus, ma non riesco a trovarlo. Potreste dirmi dove acquistarne a un prezzo ragionevole visto che immagino, ci sarà anche il costo del trasporto . . .
      Grazie per l'attenzione.
      Adele Lacchini

  • Oggetto: meglio pellet o legna? di Filippo del 18/02/2008, 12:44
    Messaggio: Salve a tutti.
    Molti parlano di pellet e legna ma nessuno ha mai messo realmente a confronto questi due modi di riscaldare??
    Ho cercato per svariate ore in molti siti del settore, tematiche inerenti a confronti e simili, ma non sono mai riuscito a trovare nulla di soddisfacente!
    Alcuni dicono che il caldo prodotto dal pellet sia secco, con conseguenti mal di gola, ecc..
    Altri dicono invece che il calore è identico a quello prodotto dal legno.
    Dicono che calcolando il costo orario per riscaldarsi a pellet, emerge che quest'ultimo rapportato alla legna costa di più.
    C'è chi sostiene invece che il pellet sia più economico.

    Potreste darmi voi un consiglio in merito?
    Ci sono siti o dati ufficiali attestanti confronti tra il pellet e la legna?

    Vi ringrazio!
    Filippo
    • Re: meglio pellet o legna? di Jimmy del 18/02/2008, 14:17
      Ci sono i pro e i contro in entrambe le biomasse.
      Provo ad elencarne un pò. Però bisogna anche valutare la propria situazione...
      La legna:
      Pro:
      Sicuramente molto più economica nell'acquisto
      Disponibilità nel reperirla
      Fiamma sicuramente più romantica
      Visione e valutazione diretta di ciò che si brucia
      Contro:
      Stoccaggio
      Progammare le scorte per la stagionatura

      Il pellet:
      Pro:
      Programmabilità delle stufe
      Facile stoccaggio
      Autonomia temporale di riscaldamento
      Contro:
      A volte è difficile da reperire
      Prezzi in costante aumento
      Manutenzione e pulizia delle stufe
      Aria calda solo mediante ventilazione
      Rumorosità delle stufe

      Io sono a favore della legna, se c'è la possibilità di un ricovero..
      Per quanto riguarda le calorie e la resa le due biomasse si possono equivalere (legna secca).
      L'aria secca è dovuta allo scambio calore aria che tende ad asciugare quest'ultima, non al tipo di combustibile che si usa. E le stufe a pellet hanno raggiunto ultimamente degli alti rendimenti di scambio.
      Tutto sta nel valutare la situazione da riscaldare e il ritmo di vita. Ciao.
    • Re: meglio pellet o legna? di ivan del 18/02/2008, 16:00
      alla risposta già molto esauriente di Jimmy aggiungerei:
      -apparecchi a pellets molto più costosi all'atto dell'acquisto
      -legna che sporca molto nel movimentarla in casa
    • Re: meglio pellet o legna? di LIVIO del 18/02/2008, 23:37
      STUFE A LEGNA: io aggiungerei anche che il potere calorico della legna la più secca quindi con 20/25% di umidità si discosta abbastanza da quello del pellet, che la cenere residua è molto maggiore e che se non carichi o hai qualcuno che lo faccia in tua assenza quando ritorni ti trovi in una bella casa fredda e devi ricominciare dall'inizio per l'accensione......che se la metti in casa devi ridipingere quasi annualmente ecc...ecc...
    • Re: meglio pellet o legna? di ALESSIO del 21/02/2008, 21:18
      A mio parere preferisco di gran lunga la legna,anche perchè ho sentito dire che il pellet nel paese dove è stato inventato,non è più a norma.Io ho acquistato una Felici e mi trovo benissimo,magari dai un occhiata al loro sito.Un saluto
      • Re: Re: meglio pellet o legna? (x ALESSIO) di Fernando del 22/02/2008, 10:41
        ciao io sono di Trento e mi piacerebbe prendere una stufa in terracotta, ho visto che in Italia c'è solo la Felici di Prato che realizza tali stufe (ho visto il loro sito).
        Purtroppo non ho ancora trovato un rivenditore di tali stufe nella mia zona (per vederle dal vivo), pertanto volevo chiedere a te se queste stufe sono veramente valide e che modello hai acquistato (prezzo?).
        ciao e grazie
    • Re: meglio pellet o legna? di yakiyra del 22/02/2008, 02:22
      Vivo in liguria, in una casa a vari livelli (sarebbero due piani ma è molto complessa al suo interno) costruita nel 1475,in pietra con muri piramidali, terribilmente esposta al dominante vento di tramontana che crea un'ipotermia difficile da contrastare.
      La riscaldo a legna (70/80 q.li a stagione) e a pellets (1 bancale a stagione) tramite tre stufe, strategicamente posizionate, l'esperienza e la termodinamica a me non oscura, mi hanno insegnato.
      Cerco di dire la mia :
      1 - pellet secco-legno no
      dipende dalla stufa e non dal combustibile,cerchiamo di capire perchè.
      Appurando che il calore sia prodotto da biomasse quindi abbia una natura pressochè identica, troviamo differenza nel modo in cui esso viene ceduto all'ambiente.
      Le stufe a pellets generalmente utilizzano un ventilatore per far avvenire lo scambio termico tra il corpo stufa e l'ambiente con conseguente movimento forzato di grandi masse d'aria. Il che comporta un violento abbattimento dei valori di umidità nei volumi in cui esse operano, ma proprio per questo possiedono capacità di riscaldare l'aria di tali ambienti in tempi relativamente brevi.
      Le stufe a legna cedono il calore secondo due principi fondamentali: convezione e irraggiamento.
      Nelle prime la cessione del calore avviene fondamentalmente per convezione naturale (ma ce ne sono alcune dotate di ventilatore,di solito tangenziale) principio basato sulla movimentazione di masse d'aria che ,naturalmente, proprio per come sono costruite tali stufe, quando sono più calde dell'ambiente in cui sono inserite, innescano un movimento d'aria che tende a muoversi dal basso verso l'alto per un semplice principio fisico e che si interrompe quando la temperatura della stufa ritorna ad equivalersi a quella ambiente cioè si è raffreddata.
      Quindi scaldano muovendo l'aria come le pellets
      ne consegue che le stufe a legna a 'convezione naturale' asciugano l'ambiente tanto quanto le stufe a pellets (non proprio così, lo so, una parte è anche irradiata ma lasciate che capisca il principio).
      Le stufe a legna a irraggiamento invece (ghisa, steatite, maiolica)hanno la particolarità di non creare nessun movimento d'aria e di trasmettere il calore irradiandolo dalle superfici del loro materiale tramite l'emissione di raggi infrarossi che non riscaldano l'aria ma gli oggetti (muri, mobilio, persone) che sono a contatto visivo con esse, innescando quindi un volano termico lento a partire ma più duraturo e confortevole. Non solo, le stufe a irraggiamento a differenza delle altre non abbattono i valori di umidità nell'ambiente come le altre.
      A questo proposito ti ricordo che sono prodotte da due ditte importanti alcune stufe a pellets senza ventilatore ambiente che funzionano quindi a convezione naturale e principalmente a irraggiamento,
      inutile dire che sono molto silenziose e cedono un calore confortevole.
      Se non ti ho stancato con il mio romanzo, la prossima volta ti mando i confronti dei costi legna - pellet.
      ciao
      • Re: Re: meglio pellet o legna? di Filippo del 22/02/2008, 15:13
        Ti ringrazio Yakiyra, sei stato molto specifico.
        Potresti dunque mandarmi le differenze dei costi tra la legna ed il pellet??
        Te ne sarei grato!

        Sappi comunque che, anche se all'inizio ero propenso all'istallazione di un caminetto a pellet (con ventilazione forzata), ora come ora non mi dispiacerebbe installare un caminetto a legna (sempre a ventilazione forzata).

        Il problema più grosso è la legna..spazio e dimesioni occupate.
        Potrei comunque rimediare depositandola in giardino all'interno magari di una comoda casetta in legno.
        Se però acquisto 1 o 2 bancali di legna durante la primavera/estate e poi la deposito all'interno di questa casetta, non ci sono problemi di umidità ??
        Secondo te, come posso far fronte alle frodi dei rivenditori che vendono legna piena di umidità, dunque molto più pesante del reale??
        Mi comfermi comunque che la resa di un caminetto a legna a ventilazione forzata è identica alla resa di un caminetto a pellet sempre a ventilazione forzata??
        Logicamente voglio confrontare 2 modelli con la stessa potenza in KW/h (almeno quella dichiarata).

        Grazie mille!
        • Re: Re: Re: meglio pellet o legna? di Yakiyra del 22/02/2008, 18:28
          Partiamo dalla fine:
          ti confermo che il tipo di calore prodotto è lo stesso (convezione forzata da biomasse) ma la resa è diversa ed è indicata dal costruttore, è un valore in percentuale che indica quanta della potenza al focolare viene trasmessa all'ambiente, ovvero quanto calore viene disperso tramite l'impianto di estrazione dei fumi (canna fumaria)
          Mettiamola così che forse ho capito la tua domanda:
          un camino a convezione della potenza massima dichiarata di 11kw(xesempio) è uguale a un inserto per camino a pellet della potenza massima dichiarata di 11kw?
          -------SI------
          Frodi dei vendilegna:
          ce ne sono di seri (che Dio li tenga in salute!)
          Intanto è importante il tipo di legna, deve essere forte, faggio, rovere, quella roba lì. Un camino a legna, di qualsiasi potenza, ha comunque una camera di combustione notevole, vuole sostanza, non stuzzicadenti.
          Per la frode sul peso, posso solo consigliarti di richiedere il talloncino della pesa, e anche qui attenzione che un autocarro tipo apepoker x intenderci non riporti una tara di 6q.li tanto per dire e un lordo in pesa di 25q.li, sarebbe da galera perchè completamente fuori dalla massa complessiva ammessa dal Codice e da frustate perchè mi farebbe pagare non il peso dell'acqua contenuto nella legna ma bensì legna che non ha assolutamente caricato!
          Veniamo all'umidità della legna,
          hai voglia a leggere sti manuali che ti dicono che i loro apparecchi funzionano con legna tagliata ed essiccata almeno due anni, e chi la trova? e chi ha tempo e spazio per innescare a casa propria un ciclo così laborioso per consumare ogni stagione legna messa in stand-by tre anni fa?
          Personalmente, visti i miei consumi, mi comporto cosi:
          ho trovato una ditta al confine tra la Liguria e il Piemonte che mi porta in un colpo 100Qli di legna di faggio tagliata come da me richiesto. Il taglio viene fatto da tronchi di grosso calibro stagionati 2 anni, ci credo xchè li ho visti, al momento del taglio però, essendo i tronchi veramente grossi, la legna ottenuta dall'interno di essi è ancora umida, ma provenendo comunque da una stagionatura di due anni è facile da essiccare (stagionatura ed essiccatura non le ritengo proprio allo stesso modo) facendola arrivare a fine primavera e sistemandola all'aperto. A inizio stagione è pronta.
          Il sistema della casetta va bene, a patto di garantire un costante passaggio d'aria e non precludere l'evaporazione.
          Posso sapere di che provincia sei?
        • Re: Re: Re: meglio pellet o legna? di Jimmy del 22/02/2008, 20:32
          Io tratto tonnellate di legna all'anno.. Intanto devi valutare la quantità che ti necessita. E questo dipende dal tipo di camino, stufa o termocamino che hai e dal tuo stile di vita (lo usi di continuo, solo la sera ecc..).
          Dopo di che devi considerare che la legna che di norma viene venduta NON E' STAGIONATA! Dovresti proprio cercare bene per trovare legna secca. Questo anche perchè in Italia non c'è ancora una normativa che certifica la vendita di legna. Ed i boscaioli tendono a non farsi scorte secche, tagliano e portano giù! In altri paesi la legna è certificata sotto un certo valore di umidità. Quindi devi prepararti almeno un anno prima, meglio due. Bisognerebbe avere la possibilità di fare asciugare la legna in un posto esterno, con copertura e ventilato (no garage..). Di cassette per contenere legna ne ho fatte parcchie e devono essere di multistrato marino, con apertura a ribalta e con griglie per la naturale ventilazione, però dovrebbero essere usate per l'uso finale e non per la stagionatura.. non è pensabile che si possa tenere 50-60 quintali di legna nei cassoni.. al massimo 5-6 se no sarebbero troppo grandi. La potenza termica della legna varia dai 3500 Kw ai 4500 Kw circa (legna secca circa 15%). La differenza fra pellet e legna è che le stufe o i camini a pellet hanno rese non superabili, cioè non puoi caricare di più di quello per cui sono stati programmati, mentre ci sono dei termocamini che permettono di bruciare anche 5-7 e più kg di legna riuscendo a superare i 20 Kw. Certo che se fai una comparazione diretta di due prodotti di uguale resa termica, un vantaggio il pellet lo ottiene.
          Quindi valuta i tuoi spazi, quanto spesso stai davanti al fuoco e considera che per mettere in ordine la legna ti scalderai più che col tuo termocamino! Poi sono punti di vista... se io abitassi in un appartamento in città non avrei alternative, ma abito in campagna e vado a legna! Ciao!
          • Re: Re: Re: Re: meglio pellet o legna? di LIVIO del 22/02/2008, 21:04
            4500 kW/kg?....non siamo un pò alti? o parli di potere calorico superiore?
            Da considerare anche il rendimento: c'è una bella differenza fra sfruttare il combustibile per il 7O% ed il 90%....se proprio vogliamo raccontarla tutta :-DD.....
        • Re: Re: Re: meglio pellet o legna? di yakiyra del 23/02/2008, 01:16
          Provo a dare un'idea di raffronto dei costi di pellet e legna premettendo che l'ultima volta che ho usato il gas, era il 1999, ho speso ai tempi circa sei milioni di lire E AVEVO FREDDO, ora tra legna e pellet me la cavo con poco più di mille euro,22-23 gradi nelle zone basse e mai meno di 20 nei livelli superiori.
          Consideriamo i seguenti presupposti:
          1- il potere calorico del pellet è superiore a quello della legna semplicemente perchè il pellet è più vicino allo stato anidro ovvero contiene valori di umidità inferiori alla legna, si parla dell'8-10% e questi sono valori certificati che si riferiscono al prodotto franco fabbrica per intenderci, così dovrebbe essere mantenuto fino alla vendita tenendo presente che, proprio per i suoi bassi valori di umidità si comporta come una spugna e se nell'ambiente in cui è stoccato si rilevano valori di umidità relativa superiori solo che al 65/70% sappiate che inizierà inesorabilmente a 'bere', ecco perchè non conviene tenerlo da una stagione all'altra.
          Alla legna si può far ottenere un valore di umidità del 25-20%, io mi accontenterei, perchè già per raggiungere tali valori sono necessari due anni di accurata essiccatura, e qui Jimmy potrebbe correggermi se sbaglio.
          Per quanto mi riguarda, pago la legna descritta nel post precedente, resa vicino a casa (il camion grosso non arriva fin qui)12.50 euro a q.le (solo faggio, pezzatura a mia scelta)
          consideriamo un 25%di umidità e avremo legna con un potere calorifico di circa 3200Kcal/kg o 3.8Kw/kg
          (1kw = 3.6Mj/h = 860kilocalorie)
          Il valore del pellet dopo le follie dell'anno scorso sembra essersi stabilizzato, oramai se ne trova di ottima qualità a prezzi ragionevoli e ordinandone più bancali il prezzo scende.
          Supponiamo un buon prodotto a 3.50euro a sacco (xl'anno prossimo l'ho trovato a 2.90)
          1 Kg di questo pellet sono 4550Kcal
          scusate se ragiono in kilocalorie anzichè in kilowatt
          ma mi riesce meglio.
          2- Rendimenti.
          come già detto il rendimento è il rapporto tra l'energia prodotta dal combustibile ed il calore reso all'ambiente
          Diciamo subito che le stufe a pellet hanno rendimenti superiori agli apparecchi a legna, non sto a spiegare perchè altrimenti mi oscurano, sono già troppo prolisso.
          Le pellet rendono mediamente dall'85 all'89%, non voglio considerare rendimenti superiori al 90% (e non parlatemi di valori superiori se non siete pronti a provarlo analiticamente ed empiricamente, armati di sonde fumi, pirometri,
          analisi di laboratorio dei combustibili)
          perchè le stufe a pellet sono sempre stufe, non caldaie a condensazione!.
          Supponiamo un rendimento dell' 88% per una pellet
          ed un rendimento del 75% per un apparecchio a legna
          ben progettato, con l'aria x una combustione secondaria vera e non a fumetti, air wash x il vetro eccetera.
          PRENDIAMO LA MIA CASA DOVE CONSUMO 50Kg DI LEGNA AL GIORNO CON FOCOLARE IN FUNZIONE 24/24 E VEDIAMO QUALI SONO I CONSUMI PER FORNIRE ALLA CASA LO STESSO CALORE MA DAL PELLET.
          Riassumiamo:
          LEGNA
          RENDIMENTO APPARECCHIO = 75%
          POTERE CALORIFICO = 3200Kcal/Kg
          COSTO A Q.LE 12.5eur
          COSTO A Kg 0.125eur
          50 Kg AL GIORNO X 3200Kcal
          = 160000Kcal PRODOTTE DAL FOCOLARE DI UNA DELLE MIE STUFE
          X 75%
          = 120000Kcalorie CHE OGNI GIORNO VENGONO CEDUTE ALL'INTERNO DELLA CASA DALLA LEGNA
          PER UN COSTO DI 12.5/2
          = 6.25eur
          PELLET
          RENDIMENTO APPARECCHIO= 88%
          POTERE CALORIFICO = 4550Kcal/Kg
          COSTO A SACCO 15 Kg = 3.5eur
          COSTO A Kg = 0.23eur
          DISPONGO IL CALCOLO UGUALE ALL'ALTRO MA HO GIà
          FATTO L'INVERSO CIOè DALLE CALORIE RESE DALLA LEGNA SONO ARRIVATO AI CHILI DI PELLET
          30Kg X 4550Kcal
          = 136500Kcal nel focolare
          X 88%
          = 120120Kcal rese all'ambiente
          AL COSTO DI:
          15KG = 3.50eur
          30KG = 7eur

          tenete bene a mente quanto segue:
          questi conti della serva, sono soggetti a tante di quelle variabili che ne basterebbe sballare un paio per invertire la tendenza, il costo dei combustibili o il rendimento degli apparecchi potrebbero andare a favore di uno o dell'altro elemento, non solo,
          per decidere come riscaldarsi è fondamentale considerare le proprie necessità e abitudini come dice jimmy poichè, come avrete capito, qui in casa mia, c'è sempre qualcuno che fa il fuochista....
          Ciao.
          Alessandro
          • Re: Re: Re: Re: meglio pellet o legna? di LIVIO del 23/02/2008, 14:00
            YAKIYRA......ottima esposizione generale che può servire a molti:
            Se ti è possibile postalo anche in questi forum aprendo un nuovo 3D....

            http://stufapellet.forumcommunity.net/
            http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?f=165943
          • Re: Re: Re: Re: meglio pellet o legna? di Salvatore del 27/09/2008, 16:22
            Complimenti per l'analisi del costo e della sua descrizione.
            Potresti anche crearne un file.xls e metterlo on line per poterne usufruire tutti in modo personalizzato in modo tale da poter fare due conti sul costo del riscaldamento.
            Ma cmq alla fine la mia domanda è quasta:
            Per il mio appartamento al primo piano di circa 110mq (330MC), posto in modo stretto e lungo dove all'estremita di uno di essi c'è il salone con il relativo camino (concentrando il calore in un solo posto anzichè uniformemente), conviene usare una stufa a pellet, un camino oppure uno di quei termocamini (il Carinci per l'occasione) che possono usare tutte e due le alimentazioni? Calcola che quest'ultimo arriva a costare anche 4.000 iva esclusa.
            Cosa mi puoi consigliare???
            Ciao e grazie.
            Salvatore
            • Re: Re: Re: Re: Re: meglio pellet o legna? di rex del 27/09/2008, 17:07
              ciao,
              Per il termocamino devi vedere se vi è una predisposizione per l'allaccio al sistema di riscaldamento esistente oppure se realizzarlo non costi eccessivamente.
              Nel caso ciò sia fattibile allora ti sconsiglio un termocamino bivalente a causa del costo eccessivo che risulterebbe molto difficile da ammortare.
              In alternativa ti consiglio o un termocamino tradizionale, oppure una stufa a pellet ad acqua.
              La scelta dipende da una tua valutazione dei pro e contro delle due soluzioni anche tenendo conto della risposta molto dettagliata che già ti hanno inviato.
              Personalmente io posseggo un termocamino a legna con cui riesco a riscaldare una casa di 250 mq con un risparmio di c.a. il 40% rispetto al metano.

              spero di esserti stato di aiuto.
        • Re: Re: Re: meglio pellet o legna? di stefania del 27/05/2013, 11:48
          Devo cambiare la caldaia per un appartamento di 260m2 trovando la legna di quercia a 8euro e il castagno a 6 cosa mi conviene una caldaia a legna o a pellet per avere un ambiente caldo che spesa ho di pellet nell'arco dell'inera stagione?
          • Re: Re: Re: Re: meglio pellet o legna? di kikko del 03/06/2013, 18:30
            non sono esperto ma so l' esperienza di una persona che ha la caldaia a legna di marca tedesca o austriaca .
            Mi sono permesso di risponderti perchè a quel prezzo ti straconviene la legna (se c'è qualcuno che può garantire una carica ogni 6-7 ore in casa) ma dovrai fare le cose per bene: cioè oltre la caldaia dovrai abbinare un puffer capiente di 2000 litri almeno , altrimenti:
            1-sprechi legna magari ottenendo temperature troppo calde in alcuni momenti della giornata in cui non vuoi troppo caldo
            2-non avrai l'acqua già calda accumulata nel puffer per far partire la mattina presto i termosifoni senza aspettare che ti svegli per caricare la caldaia con nuova legna

            per dimensionamento chiedi a più esperti (conta molto l'isolamento della casa)...a spanne un chilo di legna riscalda 30 metri quadri in un'ora . Quindi 8-9 kg l'ora servono per forza se vorrai riscaldare tutti i 260 mq in contemporanea....poi magari per il mantenimento della temperatura arriverai a consumarne la metà nelle ore successive.

            La caldaia di 35 kw almeno (ma anche qui dovrai farti aiutare da chi ne capisce davvero, perchè isolamento, posizione geografica, esposizione, presenza di doppi infissi fanno la differnza) dovrebbe avere una bella bocca di carico con legna grande oltre i 50 cm e quindi puoi risparmiare sul costo del taglio...

            prezzo caldaia (fatta bene che non richiede manutenzone quotidiana) più puffer che secondo me non sarà troppo lontano da 10 mila euro montaggio compreso.

            per quella a pellet non so dirti (la caldaia costa forse di più ma potrebbe non servirti il puffer per accumulare l'acqua , dato che la caldaia a pellet attacca estacca in base alla temperatura che vuoi..mentre la legna se inizia a bruciare non puoi fermarla)...

            Secondo me al prezzo che prendi tu la legna e per quanto grande è la casa TI DA' ENORMI vantaggi economici la scelta della legna per poterlo condfrontare con qualsiasi altra biomassa. C'è solo da considerare il fastidio del traporto, deposito legna e soprattutto sapere se:
            1- hai spazio per stoccarne tanta (non so quante ore vorrai la casa calda perchè non l'hai scritto, ma almeno 50-60 chili al giorno per 7-8 di riscaldamento li consumerai)
            2-ha spazio per un locale caldaia dove mettere pure un puffer che sarà alto un paio di metri.
          • Re: Re: Re: Re: meglio pellet o legna? di kikko del 03/06/2013, 18:34
            la mia rispista era per la domanda di stefania che compra legna a 6 - 8 euro al quintale. avevo dimenticato d scriverlo..

  • Oggetto: idro di giorgio del 02/06/2013, 22:21
    Messaggio: salve vorrei sapere se la stufa idro posso collegarla al posto del calorifero ?

  • Oggetto: stufa canalizzata di giorgio del 30/05/2013, 18:46
    Messaggio: salve a tutti vorrei un consiglio,devo installare una stufa alegna canalizzata e scaldare due stanze e un bagnetto la stanza pricipale più grande e di sei metri x5 mt alta 3mt e li arriva il tubo daria calda poi cè la sala che misura poco meno della prima con una deviazione arrivare al bagno che 3mt x2mtx2.70 altabito ad una altezza di 700 mt in piemonte riesco a scaldare tutti i vani? grazie anticipatamente.
    • Re: stufa canalizzata di giorgio del 01/06/2013, 19:44
      salve ho bisogno di una risposta sempre sulle stufe a legna canalizzata,mi serve carico legna ampio,due uscite aria calda canalizzata, mi sapreste indica la marca della stufa migliore? grazie-

  • Oggetto: Risparmio assicurato di casalinga del 24/05/2013, 07:18
    Messaggio: Buongiorno,
    Ero indecisa sull'acquistò di una stufa a pelle, perché non ero certa che facesse realmente risparmiare. Ho poi trovato una interessante app su android mi pare si chiami MyFavoriteEnergy che permette di mettere a confronto il risparmio che si può avere con i diversi combustibili gas, metano, legna, pelle ecc. Effettivamente devo dire che da quanto ho acquistato la stufa ho risparmiato tantissimo.

  • Oggetto: SUPRA di massimo del 17/05/2013, 15:14
    Messaggio: BUONGIORNO.HO ACQUISTATO CIRCA TRE ANNI FA UN INSERTO DELLA SUPRA MOD.UNIVERS 201 A PN CON CARICAMENTO LATERALE-FRONTALE,IL MIO PROBLEMA CONSISTE CHE OGNI ANNO A FINE STAGIONE DEVO RIDIPINGERE IL SOGGIORNO DOVE ALLOGGIA L'INSERTO E LE STANZE DOVE CI SONO LE BOCCHETTE DI USCITA DELL' ARIA CALDA PER IL PRESENTARSI DEI CLASSICI BAFFI DA FUMO. COME POSSO RISOLVERE IL PROBLEMA ??? GRAZIE.
    • Re: SUPRA di ValeS del 17/05/2013, 18:06
      Salve,
      gli sbuffi neri che si creano, non sono fumo.... sono polvere, che bruciata a contatto con le parti roventi dell' inserto viene poi messa in circolazione tramite il sistema di convezione.
      Il brutto è che oltre a trovarla sui muri ve la respirate.

      Presumo (forse erroneamente) che l'inserto prenda aria dal locale dove è installato. Per risolvere in parte questo problema bisognerebbe prendere aria fresca dall' esterno. Se fosse già così, allora il problema permane, ed è abbastanza normale nei sistemi a convezione (aria calda).

      Con i sistemi a irraggiamento, questo problema viene risolto completamente.
      Saluti
      ValeS
      • Re: Re: SUPRA di massimo del 17/05/2013, 19:10
        Salve,purtroppo l'inserto di cui facevo riferimento prende aria solamente dall'esterno con foro da 150 mm. Penso che la polvere possa arrivare solamente da quel punto..-(P.S. COSA SONO I SISTEMI A IRRAGGIAMENTO ) GRAZIE .
        • Re: Re: Re: SUPRA di ValeS del 17/05/2013, 22:46
          Quella è' l'aria di combustione che entra direttamente nel focolare, ma quella che viene riscaldata e canalizzata e' sicuramente aria ambiente prelevata dal basso (sui pavimenti si deposita la polvere) .

          I sistemi a irraggiamento sono stufe/caminetto ad accumulo di calore che se posizionati in maniera strategica riscaldano gli ambienti tramite raggi infrarossi senza l'ausilio di canalizzare aria calda. Possono essere costruiti in muratura , rivestiti in maiolica, oppure stufe in pietra ollare. Non funzionano a fuoco continuo ma con 1-2 cariche giornaliere, sono molto pesanti (da 1000 a 3000 kg di peso) e garantiscono un calore confortevole e senza spostamenti di aria negli ambienti.
          Saluti ValeS

  • Oggetto: Caminetto, termocamino o stufa a pellet? di Alessandro del 16/05/2013, 17:01
    Messaggio: Salve a tutti,
    sono in fase di progettazione della mia nuova casetta.
    Sono 3 piani: piano terra ( autorimessa, lavanderia, ingresso con rampa di scale alla zona giorno ), piano primo / zona giorno ( open space, 56mq, zona giorno con cucina e soggiorno, 1 piccolo bagnetto di servizio + rampa di scale al piano superiore ), secondo piano ( 56mq, zona notte: disimpegno, due camere con bagno ).

    Sono molto indeciso su come operare: alcuni mi hanno consigliato di non fare neanche l'allaccio al gas, ma di utilizzare un termocamino per scaldare anche l'acqua, altri mi consigliano la stufa a pellet...ed io, essendo un programmatore web, non so bene dove andare a parare.

    Mi viene da pensare che la soluzione più classica, ossia quella di fare l'allaccio al gas ( sono in centro paese ) e mettermi un bel caminetto con tubazioni nelle varie camere sia la soluzione più adeguata.
    Secondo voi quale potrebbe essere la soluzione migliore? Cosa mi consigliate?

    Saluti a tutti,
    Alessandro
    • Re: Caminetto, termocamino o stufa a pellet? di ValeS del 17/05/2013, 18:15
      Salve,
      oltre alle soluzioni da lei citate, ce ne sono sicuramente altre.

      Le consiglio di seguire i seguenti step per una pianificazione ragionata:
      - Stima del fabbisogno termico della sua abitazione
      - scelta del posizionamento ideale del focolare/stufa/termocamino ecc..
      - scelta del sistema di riscaldamento a legna che si adegua maggiormente ai vostri orari (distanza temporale fra le cariche di legna)
      - analisi di un esperto rivenditore che le offra un ventaglio di soluzioni adeguate ai vostri desideri, arredo, tipologia di calore (radiante, convettivo o misto), comfort, allacciamento all' impianto centralizzato ecc..

      Se le daranno le giuste informazioni, sarà lei a scegliere il sistema più adatto alla vostra casa e alle vostre abitudini.
      Saluti

  • Oggetto: Prezzo stufe a legna di Fabio del 09/05/2013, 16:01
    Messaggio: Ciao a tutti, ho deciso di integrare al riscaldamento domestico una stufa a legna.Personalmente avrei scelto un modello che scontato si aggira sui 600 , del resto non posso fare di più. La mia domanda è questa, ho notato che la maggior parte delle stufe costano molto di più e quindi mi chiedo se il modello che ho scelto possa non essere affidabile. Grazie per le risposte. Fabio
    • Re: Prezzo stufe a legna di Luigi Biagini del 12/05/2013, 17:47
      Ti faccio un confronto stupido ma che rende l'idea...
      Una Ferrari costa come una 500?
      Entrano in gioco vari fattori... Resa termica, potenza, estetica, marca (qualcosina di più ci puo stare), materiali usati... Difficile dare una mano sulla scelta di un prodotto. Di norma serve un sopralluogo e in funzione di ciò che vuoi farci e di quanto puoi spendere, si sceglie un prodotto piuttosto che un altro...

  • Oggetto: Canale areazione come canna fumaria di Stefano del 09/05/2013, 21:38
    Messaggio: Salve ho una canna che portava via i vapori di una cucina ,fatta con il tubo rettangolare zincato che porta sul tetto.Posso utilizzarla come canna fumaria di una cucina economica??
    • Re: Canale areazione come canna fumaria di Luigi Biagini del 12/05/2013, 17:41
      Se è una canna fumaria si, altrimenti no.
      Risponde alle caratteristiche della UNI EN 1443? E' installata secondo la UNI 10683? Ometto tutto il resto...
      Il tubo rettangolare su puo usare solo a due condizioni, il rapporto tra i due lati e l'angolo che non puo essere "vivo". Poi deve essere coibentato fuori dai locali di installazione e deve rispettare le distanze di sicurezza dai materiali infiammabili. Deve avere portata sufficiente ecc...
      Questo è una sorta di riassunto veloce ma sono molte le cose da sapere per una corretta installazione per questo consiglio sempre un installatore (pignolo).

<< Pagina precedente | Pagina successiva >>