Forum Fuoco e Legna

Cerca nel forum:
or and

Pagina:
  • Oggetto: termocamino tutto eletronico di paolo del 15/03/2014, 23:16
    Messaggio: ho in funzione il termocamino ecofiam 510ts va moltoo bene consuma poco e programmo la temperatura dei termo il vetro quasi sempre pulito

  • Oggetto: Programmazione stufa pellets DIVINA Extraflame di Piero P. del 14/12/2005, 14:20
    Messaggio: Salve a tutti, ho una stufa modello Divina Plus (canalizzata) della Extraflame dall'anno scorso e sono molto soddisfatto della scelta fatta perchè ho risparmiato circa il 40% sulla spesa di riscaldamento con caldaia a GPL e termosifoni (riscaldo un appartamento di circa 110 mq con la sola stufa). Volevo sapere se qualcuno è in possesso del Manuale dell'Installatore relativo alla Divina Plus Extraflame, con tutte le procedure per modificare i parametri di funzionamento (es. velocità ventole, caricamento pellets, etc..). Siccome questo manuale in genere ce l'hanno solo i tecnici installatori o manutentori non è cosa facile reperirlo, ma ci terrei perchè hi le competenze e mi piacerebbe poter avere la possibilità di variare e programmare diversamente i parametri di funzionamento della stufa per adattarli meglio alle mie necessità, oltre a quanto riportato nel normale manuale utente in dotazione.
    • Re: Programmazione stufa pellets DIVINA Extraflame di Piero del 15/12/2005, 10:12
      Io non ho il manuale tecnico di quella stufa, ma sarebbe interessante se le aziende si muovessero di più in questo senso: mettendo a disposizione non soltanto i manuali utente, ma anche i manuali tecnici per quelle persone come te che dispongono di certe competenze e ne vorrebbero sapere di più sul funzionamento di quella stufa per potersela programmare secondo i propri gusti. Temo però che per ragioni di segreto industriale e responsabilità e validità garanzia, non sarà facile per una azienda "mettere a nudo" la propia tecnologia costruttiva. Ogni azienda è gelosa della propria tecnologia e mettere a disposizione di tutti i manuali tecnici destinati ai manutentori, potrebbe invogliare la concorrenza a copiare e l'utente inespertro a commettere pasticci con il rischio di compromettere la sicurezza della stufa. Comunque una stufa a pellets diciamo "open source" a me non dispiacerebbe analizzarla e apportarci modifiche.
    • Re: Programmazione stufa pellets DIVINA Extraflame di Michele del 19/02/2013, 20:05
      Ciao,ti chiedo cortesewmente come entrare e parametri per aumentare velocità ventole in divina extraflame anno 2003.Dopo due mesi di funzionamento mi sono calate le veloctà delle ventole in modo molto evidente,ho chiamato il tecnico e di nascosto da me ha inserito i parametri chiadendomi 70 euro,dopo 1 mese sono calate ancora.Grazie ciao.
    • Re: Programmazione stufa pellets DIVINA Extraflame di bernardibruno del 13/03/2014, 23:49
      Codici accesso divina extraflame

  • Oggetto: osservazione di gianluca del 10/03/2014, 19:28
    Messaggio: Ugo Cadel a S. Lucia di Piave. Grandi stufe eseguite a regola d'arte e con passione di chi dell'energia vuol farne buon uso ed esserne rispettoso; mio malgrado ho riscontrato piccoli difetti che all'attenzione dei proprietari sono apparsi inesistenti e frutto della mia immaginazione.
    Peccato che alle spalle di tanta potenza non ci sia un servizio clienti degno di nota.
    In fede.
    Gianluca

  • Oggetto: problema sulla ventilazione di Max del 09/03/2014, 19:49
    Messaggio: Buonasera. Ho un inserto a legna edilkamin da 14Kw, l'ho dotato di una presa d'aria esterna. Mi sono accorto che con la combustione non ventilata l'aria che entra nelle 2 bocchette è parimenti calda, mentre se accendo le ventole una bocchetta rimane calda e l'altra e decisamente meno. Ho controllato le ventole e sono a posto. Cosa potrebbe essere ? Grazie per l'attenzione.

  • Oggetto: piazzetta p960 thermo di anna del 05/03/2014, 23:32
    Messaggio: Salve, avrei bisogno dei parametri della stufa, piazzetta p960 termo
    e anche la spiegazione per entrare nel menu. Grazie già da ora a chi riesce ad aiutarmi.

  • Oggetto: stufe in maiolica di federica del 04/03/2014, 19:46
    Messaggio: Vorrei acquistare una stufa in maiolica per il mio appartamento, che è di grandi dimensioni e in una zona termicamente svantaggiata. Non pretendo scaldarlo tutto, solo il salone, ma da profana ho dei dubbi riguardo al peso sopportabile dall'assito e dal tipo di stufa da installare. Dopo varie indagini avrei optato per una stufa a combustione lenta ma non riesco a capire quale siano i vantaggi di una stufa in maiolica rispetto ad esempio alla più tecnologica nestor e martin. Chiaramente di potenza calorifica adeguata. Consigli... Grazie

  • Oggetto: parametri "zingara 8 kw" di josip del 01/02/2014, 14:14
    Messaggio: Grazie a chi mi poi dare un aiuto per sta stuffa ZINGARA 8kw dovrei modificare la ventola tangenziale tutto cvi , se e posibile passo,passo grazie mille bepi , josipbrunetta@alice.it
    • Re: parametri "zingara 8 kw" di Marco del 28/02/2014, 15:06
      Per cortesia un aiuto per inserire paeametri esatti su stufa termoflam zingara dove,mi mancano anche i parametri stessi

  • Oggetto: odore bruciato dalle bocchette dell'aria caminetto di marco del 07/02/2010, 12:33
    Messaggio: salve, mi sono appena iscritto e vorrei porvi questa domanda. posseggo un "termocamino" senza motore. il calore viene generato dalla ghisa in fondo al fuoco che scaldandosi trasmette calore ad un altro elemento dietro la ghisa, il quale emana calore nella stanza tramite delle bocchette.(scusate l'approssimativa descrizione!!!) ebbene dopo 3 anni di utilizzo nei quali tutto e' filato liscio, quest'anno dalle bocchette dell'aria esce si' aria calda...ma ha un cattivo odore di bruciato che dopo un'oretta di fuoco satura la stanza. Il tiraggio e' perfetto, c'e' "solo" questo problema!! che mi consigliate???
    vi ringrazio per l'attenzione
    • Re: odore bruciato dalle bocchette dell'aria caminetto di Giovanni Iemmi del 07/02/2010, 12:53
      ti faccio alcune domande per capire la situazione: se puoi, dicci la marca e il modello del caminetto, puo' essere utile? le bocchette vanno verso altri ambienti o sono sulla cappa? arriva solo odore o anche fumo visibile?
      • Re: Re: odore bruciato dalle bocchette dell'aria caminetto di maco del 08/02/2010, 13:09
        salve, purtroppo e' un camino che ho trovato gia' in casa, fatto costruire da chi ci abitava prima e non riesco a sapere ne la marca ne il modello. le bocchette sono sulla cappa, arriva solo odore di bruciato.
        • Re: Re: Re: odore bruciato dalle bocchette dell'aria caminetto di Giovanni Iemmi del 08/02/2010, 21:07
          siccome non è nuovo escluderei che si tratti dei materiali usati, come a volte capita con siliconi e sigillanti vari. Se l'odore di bruciato che senti è un po' acre, potrebbe essere semplicemente condensa e quindi avere bisogno di una pulizia.
          • Re: Re: Re: Re: odore bruciato dalle bocchette dell'aria caminetto di marco del 09/02/2010, 15:07
            per prima cosa vi ringrazio per l'attenzione.

            dunque andando per ordine, mi sono scordato di dirvi che la canna di tiraggio e' stata fatta intubare di recente, sperando che il problema fosse di tiraggio.
            le griglie esterne...non saprei, grandi cose non ne vedo ma provero' a pulirle....anche se mi sembra strano che possano rendere l'aria calda cosi' assomigliante alla puzza di bruciato
    • Re: odore bruciato dalle bocchette dell'aria caminetto di paolo del 09/02/2010, 11:03
      Se per 3 anni ha funzionato bene potrebbe essere necessario una manutenzione. Hai controllato se la griglia di presa d'aria esterna è pulita?
      • Re: Re: odore bruciato dalle bocchette dell'aria caminetto di marco del 09/02/2010, 15:17
        la griglia di presa d'aria esterna e' nuova
        • Re: Re: Re: odore bruciato dalle bocchette dell'aria caminetto di paolo del 09/02/2010, 17:20
          Che significa nuova. Che è stata sostituita di recente? Se così fosse, è della stessa dimensione e fattezza(pass-air)di quella vecchia?
        • Re: Re: Re: odore bruciato dalle bocchette dell'aria caminetto di marco del 09/02/2010, 21:45
          dunque, ho fatto reintubare la cappa con tubi di acciaio appositi, la cappa si e' un po' ristretta. Ma la puzza di bruciato si sentiva anche prima di questa operazione. stasera ho riprovato a fare il fuoco ed aggiungo altre informazioni:durante la prima ora di combustione tutto e' ok...poi comincia a fare il cattivo odore di bruciato dalle bocchette. ho provato a fare un fuoco grosso e forse ho avvicinato troppo il fuoco alla ghisa che trasmette calore...fatto sta che l'odore..e purtroppo direi anche il fumo..e' cominciato ad uscire fuori dalle bocchette. ho aperto le finestre e le bocchette si sono raffreddate del tutto smettendo di emettere calore...anzi con un accendino ho notato che aspirano aria!!! secondo me....ci sono delle infiltrazioni tra la ghisa dietro il fuoco e l'interno dove e' posizionato l'altro elemento che scaldandosi emette calore tramite le bocchette. molto strano il fatto che aprendo le finestre le bocchette aspirino aria invece di emetterla calda!!!! non so piu' che pesci prendere!!!
    • Re: odore bruciato dalle bocchette dell'aria caminetto di franco del 18/02/2014, 20:09
      Innanzitutto grazie a chi mi da un po di attenzione!Ho un problema con il caminetto,esce un cattivo odore di bruciato dalla cappa,forse e l'isolante che ho usato per coibentare la canna fumaria? Mi anno consigliato la lana di roccia rivestita di alluminio bloccata con del nastro sempre di alluminio e all'interno del cartongesso la lana di vetro,vi prego aiutatemi,non so che pesci prendere..grazie

  • Oggetto: Modifica stufa terracotta per passivhaus di Alessandro del 18/02/2014, 09:25
    Messaggio: Chiedo un parete a voi esperti sulla possibilità di adattare/modificare una stufa tipo Becchi per essere inserita in una passivhaus. La stufa dovrà prelevare l'aria dall'esterno ed essere il più possibile "ermetica". Sarebbe quindi necessario praticare un foro comunicante con la camera di combustione per poter inserire una tubazione che vada direttamente all'esterno e sostituire la porta fuoco con una ermetica (sarebbe bellissimo in vetro). Secondo voi potrebbe essere fattibile? Grazie
    • Re: Modifica stufa terracotta per passivhaus di Ferdinando del 21/02/2014, 09:13
      Per questo tipo di applicazione ci sono diversi aspetti tecnici da considerare nonché le normative di prodotto ed installazione. La cosa è abbastanza articolata; per approfondimenti mi puoi contattare direttamente alla mail ferdta(et)alice.it

  • Oggetto: commercio pellet di signorelli vincenzo del 14/09/2006, 00:50
    Messaggio: siamo una società di intermediazione,al momento stiamo valutando su richiesta di aziende produttrici di pellet di vario tipo dal legno al mais alla sansa,ma anche di bambù,quest'ultimo ha un alto potere calorifico,ma non sappiamo qual è il mercato,e non sappiamo se le aziende conoscono tale prodotto in pellet.Qualcuno è in grado di potermi dare delle risposte in merito al mercato italiano o comunque interessato ai prodotti come grossista o rivenditore,eventuali info alla mia e-mail,ringrazio anticipatamente
    • Re: commercio pellet di Riccardo del 14/09/2006, 07:26
      Pellet di bamboo non sapevo esistesse, certo ogni tipo di combustibile granulare sicuramente interessante, la cosa importatne sono i prezzi.
      Quindi che dire, se il prodotto non si testa, è molto difficile da capire se è interessante. Credo che interessi a molte persone.
      Mi piacerebbe esprimesse un parere l'amico Felice
      Ci dia del prodotto da testare e poi potremo dirle se è performante
      info@bioterm.it
      Saluti
      • Re: Re: commercio pellet di Felice del 14/09/2006, 07:45
        Caro Riccardo io posso dirti che si tratta di un pellets validissimo ma molto difficile da produrre perche manda spesso i mulini raffinatori a carte quarantotto perchè si tratta con un elemento molto coriaceo:
        il pellets, un ottimo pellets si può produrre con 170 tipi di biomasse legnose purchè privi di materie inquinanti come plastiche e vernici, e non è affatto vero che quello prodotto in altre nazioni sia migliore del nostro, anzi è vero il contrario,saluti,Felice.
    • Re: commercio pellet di signorelli vincenzo del 15/09/2006, 15:19
      Ringrazio i due commenti e,comunque la validità del pellet di bambù sta nel fatto che ha un potere calorifero di circa 11.000 quindi quasi tre volte superiore al pellet di conifera.Un elemento comune che ho notato in questo forum è che chi cerca di acquistare solitamente cerca il prezzo più basso e non fà caso alla qualità.Noi che siamo entrati in questo mercato internazionale stiamo mettendo a punto una tabella dove si evidenzia il tipo di pellet,l'origine,la sede di produzione,la certificazione di qualità,le proprietà fisiche,il diametro,il tipo di confezione,le quantità minime,ecc. riguardo ai costi daremo tutte le info nella nostra mail signorellivincenzo@yahoo.it, stiamo anche valutando di aprire una piattaforma di smistamento tra piemonte-lombardia-veneto,per dare la possibilità di rifornirsi direttamente anche per piccoli carichi durante tutto l'anno,chi eventualmente fosse interessato a tale progetto mi contatti pure in mail,grazie a tutti coloro che invieranno un commento.
      • Re: Re: commercio pellet di ivo del 15/09/2006, 17:03
        Salve,sono un istallatore termico,volevo fare presente
        al sig. Signorelli riguardante il suo messaggio sul pellet di bambu dal "mirabolante" potere calorifico di 11.000, cosa si riferisce a kw o kcal ? le rinfresco la memoria sul potere calorifico inferiore di alcune tipi di biomasse legno di conifere kcal.3700-3800 , mais vergine oltre le 6000 kcal.ottima il mescanto (un tipo di canna),il gasolio sopra le 10.000 kcal., spero che lei abbia sbagliato a digitare i numeri,o forse il bambu lo coltivano sopra i pozzi di pretolio ? Evitiamo di dire certe panzane per creare tanta confusione che cè nè già tanta! Infine vorrei essere smentito,se Lei mi può fornire dei sacchi di questo micidiale pellet , che lo testerò nella mia caldaia a pellet Compact,come hò già fatto con altri 12, ed informerò l'esito di tale test,la ringrazio.
        mail: ivobearzi@virgilio.it
      • Re: Re: commercio pellet di Felice del 15/09/2006, 18:26
        Buongiorno, non ho capito bene questo 10.000 ma da qualunque punto che io mi volti a guardare questa,è una PURA FOLLIA, saluti Felice. o forse un altro miracolooooo!!!!!!!????,,,....
    • Re: commercio pellet di francesco gangale del 17/02/2014, 20:26
      Abbiamo iniziato a sviluppare la coltivazione del bambù in Italia. Le prime produzioni arriveranno fra tre anni. L'utilizzo principale di tali produzioni è destinato all'industria mobile, tessile e edilizia. Non è escluso che una certa quantità possa essere destinata alla produzione di pellet di qualità: alto potere calorifico, prodotto pulito da inquinanti di qualsiasi tipo.
      Trovate maggiori info: www.bambuseto.com